AGEA, DE CARLO, FDI: RIDISCUTERE E RIMANDARE CONVENZIONE CAA. STATO SIA VICINO A LAVORATORI, NON PUO PROPRIO LUI FARGLI PERDERE IL LAVORO

print

"In un momento in cui ognuno di noi dovrebbe avere lo Stato vicino non è possibile che sia proprio lo Stato ad escludere i professionisti dal poter lavorare". Così ad AGRICOLAE Luca De Carlo, responsabile nazionale Agricoltura di Fratelli d'Italia in merito alla convenzione messa a punto da Agea che esclude i periti agrari, gli agrotecnici e gli agronomi dai Caa e dal sistema Sian. Sono duemila i posti di lavoro a rischio. Tutti professionisti laureati.

"Per questo chiediamo che la convenzione sia posticipata alla fine del 2021 in modo tale che nel frattempo si possa ridiscutere tutto e trovare la quadra", prosegue. "Lo stato (l'Agea è un ente pubblico) non può assolutamente, in un momento di difficoltà come questo, far perdere il lavoro per mano sua ai privati lavoratori che magari ancora non hanno neppure ricevuto i 600 euro promessi", conclude.