AGRICOLTURA, UE AL LAVORO PER AUMENTARE PRODUZIONE COLTURE PROTEICHE

Aumentare la produzione di legumi, soia e delle altre colture proteiche in tutti gli Stati Membri per ridurre la dipendenza dalle importazioni extra Ue e per rispondere ai crescenti bisogni di agricoltori, produttori e consumatori. Questo l’obiettivo della Strategia Europea per la promozione delle colture proteiche a cui sta lavorando la Commissione Europea e che è stata presentata dal Capo Unità colture arabili e olio di oliva della DG AGRI Silke Boger, nel corso di una visita ufficiale in Italia, su invito dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari.

“Il progetto a cui la Commissione sta lavorando – ha spiegato la Boger – è stato adottato lo scorso aprile dopo una discussione interna al Consiglio Europeo. L’obiettivo è quello di accrescere il potenziale produttivo delle colture proteiche nelle filiere zootecniche e nell’alimentazione umana in tutta Europa, proseguendo il trend positivo di crescita che in soli 4 anni ha visto più che raddoppiare sia le superfici che le produzioni di legumi, soia e semi oleosi”.

In questi mesi l’Unità Colture arabili della Commissione Europea sta analizzando nel dettaglio i trend produttivi e i driver di sviluppo delle proteiche nei vari paesi europei, insieme agli strumenti e alle iniziative messe in campo dai vari stati membri per ridurre le importazioni extra-Ue di colture proteiche. Il lavoro sarà concluso entro la fine dell’anno – ha annunciato la Boger -  quando la Commissione pubblicherà una relazione finale, i cui risultati saranno quindi presentati nel corso di una conferenza in programma a Vienna il 22 e 23 novembre, durante il semestre della presidenza austriaca. Alla conferenza, che sarà co-ospitata dal ministro austriaco per la sostenibilità e il turismo Elisabeth Köstinger e dal Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, Phil Hogan, parteciperanno circa 200 invitati, esperti delle catene di approvvigionamento agricolo di mangimi e alimenti, istituti di ricerca e consulenza, rappresentanti di amministrazioni nazionali e regionali.

Durante la visita in Italia, il Capo Unità Boger, accompagnato da rappresentanti dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, della Regione Emilia Romagna e del Mipaaft, ha avuto modo di visitare due primarie strutture cooperative del settore: la cooperativa Progeo, di Reggio Emilia, tra le prime aziende produttrici di mangimi in Italia, con oltre 400.000 tonnellate di mangimi prodotti all’anno e lo stabilimento di Pomposa (Fe) di Conserve Italia, consorzio cooperativo leader nella produzione di legumi e vegetali, che con i suoi 443mila metri quadrati di superfice, è tra i più grandi d’Europa.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi