AGROPIRATERIA, CREFIS: CREARE INDICE DI INTENSITA’ DI IMITAZIONE

Il tema delle contraffazioni nell’agro-alimentare e dell’Italian sounding torna periodicamente alla ribalta. È di questi giorni la notizia della proposta che il ministro Maurizio Martina ha portato al segretario all’Agricoltura degli Stati Uniti Tom Vilsack di introdurre nella legislazione Usa il “divieto di evocazione” per contrastare l’uso dell’Italian sounding chetecnicamente non è contraffazione ma ruba enorme fette di mercato ai nostri prodotti sui mercati del Mondo.

D’altro canto - scrive in una nota il Crefis – Centro ricerche economiche sulle filiere suinicole dell'Università Cattolica del S. Cuore diretto dl prof. Gabriele Canali che svolge un’attività di monitoraggio e analisi delle filiere suinicole, grazie al sostegno fornito dell’Assessorato Agricoltura della Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia, dell'Amministrazione provinciale di Mantova, delle CCIAA di Mantova, Brescia e Cremona - le dimensioni economiche del fenomeno sono impressionanti. Il Censis ha quantificato in oltre 1 miliardo di euro i beni agro-alimentari contraffatti nel nostro Paese.

Un danno all’economia del sistema Italia elevatissimo, sia in termini di riduzione del Pil ma soprattutto in termini di occupati e di imposte perdute.

E l’Italian sounding? I dati disponibili non sono recenti ma restano paurosi.

Il cosiddetto “Italian sounding”, ovvero tutti quei prodotti che nel marchio richiamano indebitamente l’italianità del prodotto, nel 2009 a livello mondiale valeva circa 60 miliardi di euro. Dei quali 24 miliardi in Nord America, 26 miliardi in Europa e 10 miliardi nel resto del mondo.

“Ma gli effetti negativi al sistema economico sono anche maggiori di quanto stimato” spiega il professor Gabriele Canali – docente Smea e direttore Crefis – che alla presentazione del rapporto Inea Il commercio con l’estero dei prodotti agro-alimentari ha svolto una relazione proprio su questi temi. “Sono da valutare anche altri guasti sul sistema produttivo italiano: maggiori difficoltà sui mercati dei prodotti autentici (quantità ma anche prezzo e ciclicità); selezione avversa delle imprese (favoriti gli imitatori e i falsari). E non bisogna sottovalutare i danni ai consumatori, italiani e, soprattutto, del resto del mondo: errata valutazione (e pagamento) per la qualità dei prodotti acquistati e minore varietà dell’offerta in termini di sopravvivenza dei falsi e scomparsa dei prodotti autentici”.

L’azione di contrasto alle imitazioni e al falso made in Italy, deve procedere su piani diversi ma complementari, ha poi spiegato il professor Canali. In ambito continentale la difesa dei nostri prodotti che fanno riferimento all’origine è facilitata dalla tutela dei marchi europei (Dop e Igp).

È molto più difficile, invece, proteggere le nostre indicazioni geografiche nei paesi extra-UE.

Il direttore del Crefis ha anche proposto un nuovo “indice di intensità di imitazione” dal quale risulta che in nord America, ad esempio, l’Italian sounding vale ben 8 volte le nostre esportazioni; ciò dimostra come i consumatori siano molto interessati ai prodotti italiani: una grande opportunità per le imprese agroalimentari italiane. Per questo è importante agire in due direzioni: da un lato è necessario svolgere, in particolare in sede WTO, ma anche nell'ambito degli accordi bilaterali, Ttip in primis, un’attenta azione di tutela. In secondo luogo esiste la necessità di sostenere i singoli consorzi e le Pmi sia nella registrazione dei marchi a livello internazionale, almeno dove tale pratica risulta possibile, che nello sviluppo di percorsi efficaci di internazionalizzazione.

Contro i falsi, infine, è importante anche una comunicazione efficace, ha concluso il professor Canali. Anche per illustrare le ricadute negative del sostegno indiretto che i consumatori riconoscono ai produttori di falsi con l’acquisto di questi prodotti.

Oltre a questa attività, il Centro collabora attivamente su progetti specifici con diversi enti, organizzazioni, associazioni e distretti delle filiere suinicole, dai cereali ai salumi.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi