AGRUMI: COPAGRI: BENE LE INTENZIONI, MA NON BASTA

La crisi di mercato che colpisce gli agrumi rischia di diventare strutturale. Nel corso dell'incontro del tavolo di Agrumicolo presso il Mipaaf sono state messe in evidenza alcune delle problematiche più urgenti da affrontare, prima delle quali la grande quantità di prodotto di ridotta pezzatura che, anche a causa di una annata straordinariamente calda e siccitosa, rischia di restare sulle piante. La parte industriale continua a non offrire prezzi che portino reddito ai produttori.

Deve essere apprezzato lo sforzo compiuto dal Ministero che prevede il ritiro di 500 tonnellate di prodotto e la predisposizione di bandi di distribuzione agli indigenti ma, va rilevato che tali misure rischiano di arrivare tardi se non si agisce con la massima tempestività. Per quanto riguarda le risorse da destinare ad azioni strutturali, i due milioni previsti sono pochi. Occorre quindi rilanciare la trattativa con la parte industriale per consentire un prezzo del prodotto destinato alla trasformazione che sia remunerativo e che valorizzi la elevata qualità degli agrumi italiani rispetto a quello importato, ma soprattutto è fondamentale dare gambe al Piano di settore attraverso il quale iniziare un processo di rinnovamento dell'agrumicoltura italiana che non è più procrastinabile.

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi