AL VIA IL PRIMO RAPPORTO SU AGRICOLTURA SOCIALE COLDIRETTI

Coldiretti presenta il primo rapporto sull'agricoltura sociale. Il presidente Ettore Prandini, insieme al Ministro delle politiche agricole e forestale Teresa Bellanova, partecupa all'incontro di oggi. Alfondo Pecoraro Scanio, presidente del consiglio generale fondazione Univerde e presidente del comitato scientifico della fondazione "Campagna amica", ha presentato la ricerca.

Agricoltura sociale, Roberto Weber, presidente IXE, è entrato nelle specifico della ricerca: "C'è agricoltura sociale ogni qualvolta all'interno di un'azienda agricola, alla produzione di beni e sprodotti agroalimentari, si affianca un'analoga produzione di relazione e servizi che coinvolgono persone disagiate, essere umani svantaggiati sul piano psichico o sociale, anziani o minori".

Agricoltura sociale, Roberto Weber, parla della sue esperienza in questo campo: "di questo mondo abbiamo alcuni dati. Sono aziende performanti, per esempio c'è il 15% di vendite online. Abbiamo poi tutti i soggetti con cui collaborano e tentano di recuperare, come i disabili cognitivi o relazionali. Abbiamo alte percentuali di recupero e una drastica riduzione dell'uso di farmaci per questi soggetti, oltre 40mila persone che sono state accolte.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi