ALLEANZA COOPERATIVE DICE NO A INFERMIERE DI FAMIGLIA

«Ci trova contrari la proposta di introdurre la figura dell'infermiere di famiglia. Una cosa è investire per rilanciare l’assistenza primaria e quella domiciliare attraverso lo sviluppo di percorsi integrati con equipe multidisciplinari, fornendo un potenziamento alle specializzazioni dei ruoli professionali già esistenti, altro è incardinare un nuovo profilo solista, nel processo riorganizzativo dell’assistenza primaria prescindendo dall’ordinario processo di costruzione "dell’ordinamento didattico"». È così che i rappresentanti di Alleanza Cooperative, (Eleonora Vanni, Mauro Abate, Maurizio Pozzi, Silvia Frezza ed Enzo De Bernardo), hanno detto intervenendo in Senato in Commissione Sanità sulla proposta di introdurre una nuova figura nella medicina di territorio: l’infermiere di famiglia.

 

«La confusione e la sovrapposizione di competenze del medico e del distretto si evidenziano in particolare  nei passaggi in cui si attribuisce all’infermiere di famiglia il compito di “identificare e valutare lo stato di salute” degli individui e delle famiglie” (compito esclusivo del medico e degli specialisti degli aspetti sociali); di “pianificare ed erogare l’assistenza” (compito esclusivo del medico e del team e del distretto che lo approva e lo finanzia); di “pianificare e realizzare interventi formativi ed educativi rivolti, ai singoli, alle famiglie e alla comunità atti a promuovere modificazioni degli stili di vita” (competenza del distretto e dei soggetti che operano all’interno dell’equipe integrata e nella realizzazione del Piano Assistenziale)».

 

«La norma va cancellata o completamente rivista nel quadro complessivo delle priorità per lo sviluppo delle cure domiciliari poiché non riteniamo costruttiva, per la realizzazione di un sistema integrato di cure domiciliari appropriato, sostenibile ed efficiente, la creazione di una ulteriore figura professionale, distinta da quella generale del professionista infermiere e da quelle degli altri professionisti sanitari, che non risolve, ma complica la gestione integrata e la presa in carico del paziente laddove, ora più che mai c’è bisogno soprattutto di integrazione funzionale». 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi