ALLEANZA PESCA, RIPARTE CONFRONTO CON GOVERNO E FORZE ECONOMICHE

Al via oggi dopo alcuni, troppi, anni di attesa i lavori del tavolo istituzionale pesca e acquacoltura presieduto dal sottosegretario Mipaaft Manzato. Oltre 3 ore di confronto serrato sui principali temi sul tappeto; non solo aggiornamenti sui dossier in corso (come quello suo ritardi di pagamento degli indennizzi agli equipaggi e i premi feamp alle imprese che hanno effettuato il fermo pesca) ma anche questioni “nuove” cui trovare soluzioni, prima fra tutte l’emergenza SIC (delimitazione di Siti d’Interesse Comunitario) in attuazione della direttiva habitat per la quale pende sull’Italia una procedura di infrazione comunitaria. Su questo punto, che interessa le aree di alto e medio Tirreno e Adriatico, sono state espresse tutte le preoccupazioni del mondo della pesca che tutt’ora attende un coinvolgimento diretto da parte del ministero dell’ambiente affinché si possano studiare soluzioni di gestione capaci di unire il rispetto delle direttive europee alla tutela delle imprese e dei lavoratori. Il tavolo odierno è servito a chiedere l’aiuto del sottosegretario alla pesca affinché in questa procedura, in mano all’ambiente, i nostri pescatori non siano chiamati a subire altre inopportune ed inaccettabili penalizzazioni.

Fissate poi anche le date del fermo pesca autunnale delle sardine in Adriatico e impostata la soluzione per la regolamentazione della pesca dei cefalopodi (polpi) con i cosiddetti tubi in PVC, che negli ultimi tempi ha assunto proporzioni eccessive che occorre porre sotto controllo.

Il sottosegretario, aprendo i lavori, ha annunciato l’avvio anche di una fase di ulteriore consultazione per impostare strategie di gestione e sviluppo più a lungo termine. Al tavolo, cui ha partecipato il direttore generale Rigillo e alcuni membri del suo staff, ha preso parte anche il nuovo capo dipartimento, Andrea Comacchio, cui sono andati gli auguri di buon lavoro da parte dei presenti.

L’alleanza ha consegnato a Manzato un primo programma di temi da affrontare a breve (dai grandi pelagici al pesceazzurro, dalla riforma di alcuni provvedimenti oramai datati - consorzi piccola pesca, decreto licenze, norme sulla potenza dei motori), auspicando che il tavolo assuma da subito un ritmo di lavoro molto serrato per stare appresso ad un mondo in forte e rapido cambiamento.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi