ANBI, 450 MLN PER LA SISTEMAZIONE DEL TERRITORIO. E UN MILIARDO PER LE INFRASTRUTTURE IDRICHE. TUTTI GLI INTERVENTI

VINCENZI (ANBI): SBLOCCATI 450 MILIONI COMPLESSIVI PER LA SISTEMAZIONE DEL TERRITORIO

“Vogliamo un paese più bello, con meno differenze e con un’agricoltura e un territorio di eccellenza. Ringrazio allora la buona politica che ha sbloccato 450 milioni complessivi per la sistemazione del territorio” ha dichiarato il presidente Anbi Francesco Vincenzi nel corso dell’incontro di quest’oggi a Roma.

“Siamo europeisti ma spesso i vincoli e gli obiettivi promossi dall’Ue sono di difficile esecuzione e complicati da raggiungere ma in questo abbiamo ricevuto un grande aiuto dal ministero che di ha messo in grado di lavorare. Solo se abbiamo un comparto ministeriale che funziona possiamo avere infatti una buona politica. L’obiettivo -ha proseguito Vincenzi- è costruire una traiettoria per il futuro, dando certezze a imprese e cittadini nonostante i processi drammatici che andiamo ad affrontare, come immigrazione e fame. Bisogna perciò costruire un percorso virtuoso per i nostri agricoltori con la pac post 2020 e l’acqua dovrà essere l’impronta sempre presente nella politica agricola comune perché è fondamentale per i nostri territori e la nostra agricoltura.

Dobbiamo trainare il paese verso una progettualità reale e concreta, ha concluso il presidente Anbi, con lavori cantierabili in tempi brevi. È necessario premier le economie vere del Made in Italy per far capire che con gli investimenti territorio e imprese possono creare reddito”.

CENTINAIO: UN MILIARDO DI EURO PER INFRASTRUTTURE IDRICHE

“Un miliardo di euro destinati alle infrastrutture idriche”. E’ quanto ammonta lo stanziamento economico messo a disposizione dal Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo per il piano irriguo e le riserve d'acqua, ribadito questa mattina dal Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio intervenendo alla trasmissione Frankenstein di Rai 2. “Da Nord a Sud c'è la necessità di avere a disposizione dei fondi da investire in infrastrutture e bacini idrici che consentano l'approvvigionamento in ogni stagione”, – ha dichiarato il Ministro Gian Marco Centinaio. – “L’obiettivo che avevamo e abbiamo è stato quello di mettere a disposizione un miliardo nelle scorse ore per le infrastrutture idriche del nostro Paese. Vuol dire che ci sarà la possibilità di fare ammodernamento e costruire nuovi invasi soprattutto nelle regioni del Sud. Invasi che potranno essere utili per trattenere l’acqua da utilizzare anche nella stagione estiva”.

PESCE: DARE CONCRETEZZA E REDDITIVITÀ A IMPRESE PER SOSTEGNO AREE MARGINALI

“C’è la necessità di riallineare il gap tra nord e sud, e per far questo non possiamo continuare a puntare sulle paure ma è invece sulla concretezza che possiamo basare qualcosa. L’impegno è di non utilizzare le paure dei cittadini ma di fare scelte concrete anche se non sempre condivise da tutti”, così il sottosegretario Mipaaft Alessandra Pesce nel corso della conferenza organizzato dall’Anbi.

“Il partnerariato europeo sulla pac rappresenta una nuova sfida, assieme al tema acqua che è fondamentale per l’agricoltura e impatta per efficienza e produttività sui costi aziendali. Questo governo punta tanto sul Made in Italy e sui suoi strumenti di tutela, per questo diventa fondamentale mantenere la redditività in quelle aree fragili e marginali del nostro paese. Bisogna scongiurare l’abbandono del territorio perché con esso verrebbe meno anche la sicurezza garantita dai presidi territoriali, perciò incentivare la redditività delle imprese significa anche aiutare il territorio.

Infine abbiamo necessità di puntare su innovazione e ricerca, ha dichiarato Pesce, e sopratutto di un network avanzato in agricoltura. Serve ragionare sulla formazione e costruire filiera in aree dove c’è minor capacità di sviluppo, nel nuovo anno punteremo molto su questo aspetto con l’interessamento e la collaborazione di tutti i soggetti preposti.”

VALLARDI: CONSORZI DI BONIFICA REALTÀ INDISPENSABILE

“È un mondo indispensabile quello dei consorzi di bonifica e nel nostro paese è una realtà che funziona molto bene” ha dichiarato il presidente comagri senato, Gianpaolo Vallardi a margine della conferenza Anbi su “Salvaguardia del territorio e innovazione”.

“Sul piano irriguo sono arrivati i finanziamenti e altri ancora giungeranno, si tratta di un lavoro di squadra da fare tutti insieme. Mi preme sottolineare che non ci può essere agricoltura senza una gestione oculata e giusta della risorsa idrica, e per far fronte alle nuove esigenze e ai nuovi investimenti serve puntare sulla tecnologia e la formazione dei nostri agricoltori. Il governo su questi temi sta prestando la massima attenzione e i finanziamenti sono la dimostrazione di segnali concreti.

Per quanto riguardo alcune problematiche dell’anbi -ha concluso Vallardi- è assurdo mettere l’Imu sulle loro proprietà, perché si tratta di un lavoro fatto per la collettività e l’interesse di tutti. Massima attenzione poi anche al costo dell’energia per i consorzi di bonifica, è necessario ridurre la spesa perché si tratta solo di buonsenso giacche i costi ricadono su tutti i cittadini.”

GALLINELLA: FARE SERIA RIFLESSIONE SU PIANO STRATEGICO ACQUA

“La gestione dell’acqua è un tema fondamentale per l’agricoltura e il territorio, perciò i 350 mln del psrn sono importanti ma i fondi non bastano mai perché i progetti sono tantissimi -ha dichiarato Gallinella durante l’incontro promosso da Anbi- però ci impegniamo a trovare ulteriori stanziamenti poiché la messa in sicurezza è una questione prioritaria e centrale. Ci impegniamo inoltre a risolvere quelle criticità che riguardano il costo dell’energia, con la necessità di spendere meno per gli impianti idrovori e la questione imu per i consorzi di bonifica.

Per ciò che riguarda la politica agricola comune, ha concluso il presidente comagri camera, verrà sicuramente fatto un piano strategico per l’acqua ma molta attenzione va riservata alla differenza tra territorio e territorio. Serve fare una seria riflessione perché un territorio senza acqua rimane irrimediabilmente indietro rispetto alle altre realtà. Esprimo massima condivisione e su questa la politica farà poi le sue scelte.”

BONACCINI: PIANO INVASI IN CONFERENZA PER ESSERE APPROVATO L’8 NOVEMBRE

“Bisogna ridurre l’inquinamento perché i cambiamenti climatici costituiscono ormai una spesa economica e sociale devastante per il nostro paese” ammonisce Stefano Bonaccini, presidente Conferenza delle regioni.

“Uno degli obiettivi stabilito è quello del piano invasi per definire meglio la risorsa acqua. L’8 novembre spero di approvare il piano per i territori ma servono finanziamenti perché le regioni lavorino bene. Per quanto riguarda i fondi di sviluppo e coesione sono stati messi in campo finanziamenti per 245 mln che per ora permettono di lavorare. Aspettiamo adesso quelli della pac per il sud Italia.

Dobbiamo capire, ha continuato Bonaccini, che bisogna fare scelte per l’oggi e il domani coi fondi, puntando in special modo sulle infrastrutture irrigue. Necessitiamo di una politica del fare che coinvolga tutta l’Italia è riduca le distanze del paese.

È grave infine che sul dissesto idrogeologico non si sappia ancora quanti e quali fondi ci siano a disposizione, proprio nel periodo in cui le regioni stanno decretando i bilanci. Grave perché sono risorse fondamentali per i territori”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi