AVICOLO, COPA COGECA SCRIVE A DG AGRI: GESTIRE IMPORTAZIONI, FRIGO UE PIENI

image_pdfimage_print

In una lettera inviata alla Dg Agri, Copa e Cogeca esprimono le crescenti preoccupazioni per il settore delle uova e della carne di pollame per quanto riguarda l'impatto della chiusura di alberghi, ristoranti e servizi di catering a causa della crisi COVID-19. Di fronte all'assorbimento di segmenti specifici, le organizzazioni europee invitano la Commissione a gestire le importazioni attraverso i meccanismi di gestione del TRQ in base ai cambiamenti del mercato dei consumatori per evitare un eccesso di offerta in Europa.

Senza il canale HORECA, alcune produzioni di alta qualità sono state fortemente influenzate: anatra, piccione, quaglia, coniglio, faraonaia, oca, sebbene i consumatori continuino a comprare carne di pollo e di tacchino al dettaglio, sono questi mercati colpiti dalla pandemia. La carne di pollame venduta al dettaglio non compensa la perdita del canale HORECA.

Un fenomeno simile si registra anche per gli ovoprodotti, poiché la maggior parte di questi andrebbe normalmente ai servizi di ristorazione fuori casa. Allo stesso tempo, la domanda di uova in guscio vendute al dettaglio, comprese le uova da allevamento in gabbia arricchite, è aumentata, causando una certa carenza. Il settore delle uova ha anche segnalato problemi di trasporto per le uova da cova e i pulcini di un giorno, poiché molti di loro volano sugli aerei passeggeri, e i voli nella maggior parte degli Stati membri sono diminuiti. Inoltre, i produttori hanno anche segnalato una forte diminuzione e la mancanza di disponibilità di alcuni tipi di mangime, come la soia biologica.

Parallelamente, l'UE continua a importare grandi quantità di carne di pollame congelata da paesi terzi, per i quali l'HORECA è lo sbocco principale. Così, la carne di pollame si sta accumulando e i congelatori in tutta l'UE sono già pieni, in attesa che finiscano le misure di confinamento.

Per Charles Bourns, il presidente del gruppo di lavoro "questa situazione causerà una crisi di offerta eccessiva dal momento in cui ristoranti, alberghi e catering saranno di nuovo aperti, in quanto i consumatori non andranno a mangiare fuori casa il doppio di quanto facevano prima della crisi. Questo metterà una pressione enorme sul prezzo".

Dato il ruolo chiave della gestione, il Copa e la Cogeca chiedono alla Commissione Europea di gestire l'afflusso di importazioni in base ai cambiamenti del mercato dei consumatori in modo da evitare una crisi di offerta eccessiva. Oltre a questa misura, gli agricoltori e le cooperative agricole europee chiedono che vengano finanziate misure specifiche al di fuori della PAC, concentrandosi in particolare sul mantenimento delle scorte dei genitori e dei nonni per evitare perturbazioni all'interno del settore

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi