B/OPEN, ISMEA: GAP DI PREZZO TRA OLIO BIO E NON BIO È DEL 42%

B/Open, Riccardo Meo, Direzione servizi per lo sviluppo rurale di Ismea, parla della filiera ovicola biologica, di cui l'Ismea si è occupata. "La GDO in questa fase ha veicolato i consumi insieme all'E-commerce. In particolare l'olio bio ha continuato a crescere nel corso degli ultimi 10 anni. Il 68% dell'olio bio della GDO si concentra nell'Italia settentrionale, ma durante il lockdown, fino al 17 maggio il settore olivicolo bio è cresciuto del 15%, rispetto al 7% del non bio. Nel 2019 il gap di prezzo tra olio bio e non bio è stato del 42% di media, su tutto il territorio italiano, questo per i prezzi all'ingrosso, mentre questo differenziale sale al 66% nelle vendite al consumo".

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi