BILANCIO 2015 E PROSPETTIVE 2016, GUIDI: L’ANNO CON MAGGIORE ATTENZIONE MA IN CUI SILENZIOSAMENTE SETTORE HA SOFFERTO DI PIUIL PRESIDENTE DI CONFAGRICOLTURA: SETTORE E' ENTRATO IN CRISI STRUTTURALE, MAI I BILANCI COSì IN PASSIVO. PUNTARE SU SBUROCRATIZZAZIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE

guidi_cortinaÈ stato un anno “intenso” e complesso per l’agricoltura italiana per il presidente di Confagricoltura Mario Guidi. Tante le cose successe, a partire da Expo, “un’operazione di successo in termini conoscitivi e di partecipazione ma che pero non è riuscita a mostrare il vero volto dell’agricoltura e i cui risultati si vedranno proprio nel 2016”. Sull’azione del governo Guidi è positivo: “Bene il risultato della Stabilità sia per quanto riguarda l’imu, l’irap e gli altri interventi relativi al settore. L’azione di governo c’è stata ed ha tenuto in debita attenzione l’agricoltura. Ma paradossalmente – spiega ad AGRICOLAE - proprio l’anno di Expo e l’anno in cui il governo ha mostrato piu attenzione è stato quello in cui l’agricoltura più silenziosamente degli altri anni è entrata in una crisi strutturale. Sebbene ci siano state poche urla in giro, i bilanci sono i peggiori degli ultimi anni tranne che per qualche settore”. Soprattutto la vicenda del latte “ha dimostrato come la filiera agricola sia disconnessa e quanto lavoro ci sia da fare per creare un’agricoltura competitiva”. È stato “un anno di verità”, prosegue il presidente degli imprenditori agricoli “in cui si è visto l’esito di questa riforma della Pac cervellotica e burocratizzata al massimo in cui nessuno ha dato il meglio di se, le regioni, il ministero e i sindacati. È venuta fuori una Pac che gli agricoltori non capiscono e che darà meno risorse in maniera non organizzata”. Si sono viste le due agricolture dell’Italia, prosegue ancora Guidi: quella delle 550 mila aziende che percepiscono meno di 1250 euro e quelle delle 440mila aziende che percepiscono piu di 1250 euro”. Ma una cosa è certa: “L’italia agricola non può fare a meno del mondo, lo abbiamo capito dall’embargo russo e dalla minore capacita di spesa dei cinesi. Dunque è bene praticare l’internazionalizzazione non solo come elemento di slogan”. E per il 2016? “mi auguro che l’agricoltura finalmente venga interpretata nel modo corretto come un vero settore economico e che si provveda rapidamente nei processi di sburocratizzazione come primo elemento di competitività. Ma non solo: che si capisca che l’agricoltura è fatta di lavoro, innovazione e di capacità. E che finiscano certi slogan che ci hanno tenuto finora imprigionati. Tutto questo è semplicemetne nelle nostre mani – conclude -, inutile dare colpe a terzi”.

 

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

CENTINAIO: STIAMO CREANDO IN UE UNA LOBBY DI PAESI CHE VOGLIONO ETICHETTA E TUTELA QUALITA
21/02/2019

CENTINAIO: STIAMO CREANDO IN UE UNA LOBBY DI PAESI CHE VOGLIONO ETICHETTA E TUTELA QUALITATAVOLI DI FILIERA MIPAAFT SARANNO APERTI ANCHE AI CONSUMATORI

“Il Pecorino Romano è quotato 5,60 euro al chilo all’ingrosso”. Lo dice nel corso di Porta a Porta il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio che ha convocato per le 12 il tavolo di filiera al Mipaaft per chiudere la partita sulla crisi del latte in Sardegna. Ma “ho […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi