BILANCIO 2017, SCANAVINO: POTENZA STRAORDINARIA DEL MADE IN ITALY MA ORGANIZZAZIONE PRECARIAIL PRESIDENTE DELLA CIA: ACCORDO SUL GRANO DIMOSTRAZIONE DI COME SI PUO FARE FILIERA

bilanio 2017

Il presidente della Cia Dino Scanavino fotografa quanto fatto nel 2017 e la lesgislatura per il comparto agricolo ed agroalimentare

“Il 2017 è stata una annata molto difficile. Abbiamo visto siccità e acqua. Se gli agricoltori hanno saputo far fronte a una situazione così complessa, le strutture che dovrebbero aiutare gli agricoltori si sono dimostrate ancora una volta inadeguate, come nel caso dei consorzi”. Così il presidente della Cia Dino Scanavino ad AGRICOLAE nel tirare le somme sul 2017. “Ci sono buone notizie e cattive notizie”, prosegue. “Abbiamo risolto crisi che perdurano da anni come quelle relative ai suini e latte. Bene sui vini e spumanti, mentre abbiamo sofferto sull’ortofrutta, che fatica senza una regolamentazione dei flussi di mercato da parte dell’Europa”, prosegue Scanavino. “Mentre la carne bovina sta facendo passi da gigante”. Il vero problema, sottolinea il presidente Cia, sono le grandi fitopatie importate da paesi terzi “a causa di una scarsa attenzione alle frontiere”. Bene poi la valorizzazione made in Italy “sebbene un vero progetto strategico ancora non ci sia”. “Alla potenza straordinaria del nostro made in Italy si associa un’organizzazione precaria”, sostiene. E la politica? “ha fatto delle cose buone e delle cose cattive. Ma non si sono risolte le questioni che da sempre costituiscono dei nodi da sciogliere come Agea, la protezione dei rischi e difesa, il sistema allevatoriale e quello delle acque. Tutti percorsi non conclusi”. Per il 2018 Scanavino è ottimista: “mi aspetto un governo forte e stabile che risolva le problematiche che sottendono al successo dell’agricoltura. Se la burocrazia non è efficiente non si puà essere competitivi”. Poi la Pac: “sarà l’anno cruciale per formare l’ossatura di una Pac che tenga in considerazione l’agricoltura mediterranea senza sbilanciamenti sull’agricoltura del nord Europa. Intervenire sulla Pac significa intervenire sul benessere degli agricoltori e dei cittadini tutti”, conclude.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

BILANCIO 2017, FORMIGONI: ORA SPAZIO AI GIOVANI PER DARE SPRINT A SETTORE

BILANCIO 2017, FORMIGONI: ORA SPAZIO AI GIOVANI PER DARE SPRINT A SETTOREIL PRESIDENTE DELLA COMAGRI AL SENATO: FATTE COSE BUONE MA LEGGI ATTESE FERME AL PALO A CAUSA INADEMPIENZA GOVERNO

“Abbiamo fatto cose importanti ma ne abbiamo saltate altre altrettanto importanti. Restano incomprensibili e hanno destato grave disagio la mancata approvazione sul biologico, sulla pesca e sulla dieta mediterranea. Tre leggi molto attese dal settore che potevano e dovevano essere approvate e non sono state approvate per la lentezza e […]

BILANCIO 2017, SANI: CAMERE E GOVERNO CONCENTRATE SUI TEMI AGRICOLI SENZA PRECEDENTI. ORA PAC

BILANCIO 2017, SANI: CAMERE E GOVERNO CONCENTRATE SUI TEMI AGRICOLI SENZA PRECEDENTI. ORA PACIL PRESIDENTE DELLA COMAGRI CAMERA: MOLTE LE INIZIATIVE PARLAMENTARI, SOPRATTUTTO A MONTECITORIO

“Un bilancio positivo” per il presidente della commissione Agricoltura della Camera Luca Sani quello del 2017. “La legge di Stabilità ha completato una serie di interventi rispetto a un modello agricolo nazionale che si è definito in questi anni”, spiega. Ma le somme da tirare non sono solo quelle sul […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi