BIO, LEGGE FERMA AL SENATO E OPERATORI SCRIVONO A GRASSO. ITALIA RESTA AL PALO CON REGOLAMENTO CONTROLLI E REGOLAMENTO UE

BIO

La legge sul biologico è ferma al Senato. E operatori prendono carta e penna e scrivono al presidente di Palazzo Madama. In gioco uno dei settori trainanti del Made in Italy

La legge sul biologico è ferma al Senato. E gli operatori prendono carta e penna e scrivono al presidente di Palazzo Madama. In gioco uno dei settori trainanti del Made in Italy che ha registrato negli ultimi anni un trend in crescita costante. La legge – che riguarda circa 60mila aziende e aveva l’ok di tutti i partiti politici – doveva essere la prima ad essere approvata dopo la legge di Bilancio. Ma il caos emerso sul Ius Soli ha fatto slittare il calendario anteponendo alla capigruppo altri provvedimenti. Attualmente l’Italia rimane dunque con un regolamento Ue che non piace a tutti (anzi a pochi) e un regolamento sui controlli mal visto dagli operatori del settore. Nel frattempo continuano ad entrare i prodotti dall’estero.

BIOLOGICO, LEGGE BLOCCATA AL SENATO. FIORIO, PD: GOVERNO INTERVENGA

“L’Italia ha bisogno della legge sull’agricoltura biologica: si tratta di un provvedimento, già approvato dalla Camera e fermo ormai da mesi al Senato, fondamentale per un settore in continua crescita, che conta ormai oltre 60mila aziende”: è quanto dichiara Massimo Fiorio, deputato Pd e primo firmatario della proposta di legge.

“Il nostro paese è il secondo esportatore mondiale – continua Massimo Fiorio –, questa legge favorirà l’associazione delle nostre aziende biologiche permettendo loro un più puntuale ed esteso ingresso nel mercato internazionale prodotti, rispondendo così meglio esigenze del mercato globale. Anche per controbilanciare gli effetti del Regolamento comunitario sull’agricoltura biologica che, ad una prima lettura, potrebbe creare problemi al comparto italiano”.

DDL BIO FERMO AL SENATO. CONFAGRICOLTURA SOLLECITA IL PARLAMENTO AD APPROVARLO ENTRO L’ANNO

Confagricoltura fa appello ai senatori affinché sia calendarizzata al più presto la discussione in aula sul disegno di legge sull’agricoltura biologica.

“Gli agricoltori biologici italiani hanno bisogno che la legge sull’agricoltura biologica venga approvata entro la fine della legislatura - ha evidenziato Paolo Parisini, presidente della Federazione nazionale di prodotto agricoltura biologica di Confagricoltura -. Non si può disperdere il prezioso lavoro portato avanti dal Parlamento a favore di un settore che necessità di regole innovative per assicurare, da una parte un ulteriore sviluppo e dall’altra parte garantire sempre più il consumatore”.

Il testo normativo già approvato dalla Camera e dalla Commissione Agricoltura del Senato mette a disposizione degli operatori nuovi strumenti che permetteranno al settore di migliorare la propria organizzazione e di assumere un ruolo importante nella filiera a fianco della trasformazione e distribuzione.

“Senza indicazioni specifiche sulle modalità di costituzione dell’organizzazione interprofessionale, sulle nuove regole per le organizzazioni dei produttori e sui biodistretti, il settore, composto per il 90% da aziende agricole, rischia - ad avviso di Confagricoltura - di non fare quel salto di qualità necessario per confrontarsi con le grandi multinazionali della trasformazione e della distribuzione”.

Ha concluso Confagricoltura: “L’approvazione definitiva della legge permetterebbe di riportare il buon umore nel settore dopo  l’inopportuna  approvazione del nuovo regolamento europeo sull’agricoltura biologica che, anche con l’approvazione dell’Italia, rischia di causare danni ingenti alla nostra agricoltura”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Tags: × × × × ×

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi