BIOENERGY, BUSINESS RINNOVABILI CONTINUA LA SUA CORSAORA VERSO SOLUZIONI INNOVATIVE

soleIl quinto Conto Energia e il rinnovato scenario degli incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili non frena l'interesse delle aziende agricole, dell'industria alimentare e degli amministratori territoriali per un settore che ha ancora molto margine di sviluppo. Migliaia di persone ai 35 seminari e workshop di BioEnergy: la prova di una grande sete di informazioni. Il cuore della manifestazione va oltre l'esposizione di 149 marchi da tutta Europa e delle loro proposte tecnologiche: BioEnergy Italy ha infatti proposto un ricchissimo programma di appuntamenti da tutto esaurito in grado soprattutto di proporre soluzioni all'avanguardia per sviluppare il business delle rinnovabili.

“BioEnergy Italy si sta evolvendo – ha dichiarato il presidente di CremonaFiere Antonio Piva. Fino ad oggi era importante soprattutto capire i sistemi produttivi nel settore delle rinnovabili, ma ora bisogna andare oltre: è necessario fornire strumenti tecnici e scientifici che consentano di ottimizzare la produzione e la gestione dell'energia, e soprattutto sperimentare per trovare soluzioni sempre più efficienti. Per questo da quest'anno abbiamo proposto per primi temi di grande attualità come la costituzione delle smart grid (le reti intelligenti di gestione dell'energia, ndr), l'utilizzo degli scarti dell'industria alimentare nei settori della farmaceutica e della cosmesi, o la produzione di energia da pollina”. Il formati fieristico proposto da BioEnergy Italy, che abbina un'esposizione e un programma scientifico d'eccellenza, ha attratto 9.884 visitatori: un numero inaspettato anche per gli stessi espositori, che si sono dimostrati particolarmente soddisfatti anche dalla loro qualità. Operatori professionali qualificati e soprattutto interessati alle soluzioni proposte.

Per arrivare ai buoni risultati di BioEnergy Italy 2013, CremonaFiere e DLG, partner tedesco nell'organizzazione della manifestazione, hanno lavorato molto per riunire e coinvolgere – anche e soprattutto attraverso il programma convegnistio-seminariale – molte professionali anche indirettamente collegate alla produzione di energia da fonti rinnovabili, perché è proprio grazie al confronto e al brainstorming che sovente si sviluppano le soluzioni più innovative. “Per questo ci tengo a sottolineare le importanti collaborazioni che abbiamo realizzato attraverso BioEnergy Italy – ha concluso Piva: da Legambiente all'Associazione Italiana Tecnologia Alimentare, dalle maggiori Università italiane a Confagricoltura, passando per importanti realtà come CRPA, ENEA, Consorzio Italiano Biogas, CNR e Chimica Verde; il loro apporto è stato fondamentale per dare vita ad una manifestazione così variegata e qualificata in ogni suo aspetto".

com/gan

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi