CALANO I DERIVATI DEL POMODORO: -8,5% RISPETTO AL 2017 NEL NORD ITALIA

Si è conclusa con un significativo calo dei prodotti finiti la campagna del pomodoro da industria nel Nord Italia. I dati raccolti dall’OI – l’Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia – certificano un calo del -8,5% di tutti i derivati del pomodoro (in primis polpa, passata e concentrati) rispetto alla produzione del 2017. Si è infatti passati da 1.246.758 tonnellate di prodotti finiti del 2017 a 1.141.110 del 2018.

“Il calo dei prodotti finiti - ha commentato Tiberio Rabboni, presidente dell’OI del Nord Italia - è la diretta conseguenza di un calo delle superfici effettive, perseguito in fase di contrattazione d’area, e poi di un’annata segnata da andamenti climatici anomali che hanno causato un’ulteriore diminuzione del pomodoro consegnato agli stabilimenti, rispetto ai quantitativi inizialmente contrattati. È un calo che si aggiunge ed accentua quello dello scorso anno (-5,3% del totale dei prodotti finiti nel 2017, rispetto al 2016) che fu causato, come noto, da un grado brix medio molto basso del pomodoro raccolto e consegnato che comportò la produzione di un minor quantitativo di prodotti finiti a parità di materia prima lavorata. Il dato 2018 del Nord Italia è tuttavia in linea con quello delle regioni italiane del Centro-Sud e con l’andamento della produzione mondiale che registra una forte contrazione soprattutto in Cina, Spagna e Portogallo. Ciò non potrà che stimolare una rinnovata e necessaria vivacità delle dinamiche di mercato”.

Tra i cali più rilevanti spicca quello complessivo dei concentrati, pari a -17,8% (da 187.966 tonnellate dello scorso anno a 154.423 di quest’anno), a maggior ragione in considerazione del fatto che già nel 2017 vi fu un calo del -20,9% dei concentrati rispetto alla produzione del 2016. Scendendo nel dettaglio il calo è del -34,6% per i semi-concentrati; del -11,3% dei concentrati; del -3,8% dei doppi concentrati e del -38,5% per i tripli concentrati.

Contrazioni significative si sono registrate anche nella produzione della polpa a cubetti (-34,6% da 358.281 tonnellate del 2017 a 245.787 del 2018) e della passata (-5,3% da 362.302 tonnellate a 345.096).

Al contempo, rispetto al 2017, si registra però una produzione, per quanto più contenuta, qualitativamente maggiore come dimostra il brix medio ponderato di 4,78 più alto di quello dello scorso anno e, di conseguenza, in grado di garantire una maggiore resa di trasformazione.

I dati dei prodotti finiti sono il frutto di una campagna – iniziata il 16 luglio e terminata l’11 ottobre – che al Nord Italia ha visto lavorate nel complesso, secondo i dati definitivi e consolidati dell’OI, 2.446.932 tonnellate di materia prima, la metà del dato nazionale, da parte di 28 stabilimenti espressione di 21 imprese di trasformazione.

Sulla consegna della materia prima si è registrato un calo del -13,18% rispetto a quanto contrattato a causa delle avversità climatiche – ci sono state grandinate che hanno danneggiato la produzione e in molti casi maturazioni precoci dovute al clima instabile – e alla proliferazione del ragnetto rosso nella provincia di Piacenza

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi