CAMBIAMENTI CLIMATICI, ANBI: TORNA SICCITA’ IN ALCUNE ZONE DELL’E.ROMAGNA

La stagione irrigua non è ancora conclusa ed il Consorzio di bonifica Parmense (la principale fonte di distribuzione idrica per le colture tipiche di un territorio con 1300 chilometri di canalizzazioni) segnala la perdurante mancanza di disponibilità idrica per soddisfare le esigenze del comparto agricolo, penalizzando pregiate colture ancora in corso di maturazione come il pomodoro, le orticole ed i prati stabili, essenziali per il foraggio utile alla produzione del Parmigiano Reggiano, eccellenza casearia italiana.

In questo contesto, lo stress idrico potrebbe compromettere seriamente i raccolti con conseguenti danni economici per le imprese agricole del comprensorio; l’insufficienza di risorsa idrica da distribuire sul territorio aumenta, inoltre, il rischio di conseguenze ambientali. Da qui, la necessità di proseguire nella distribuzione irrigua, che non può essere soddisfatta esclusivamente attraverso i prelievi dai pozzi, ma che necessita di derivazioni più consistenti da corsi d’acqua con portate sufficienti.

In particolare, le criticità si aggravano a Sud della via Emilia, dove l’ approvvigionamento irriguo è garantito dalle acque del fiume Taro; il Consorzio di bonifica Parmense ne richiede, alla Regione Emilia Romagna, la sollecita rivalutazione del Deflusso Minimo Vitale (D.M.V.) per permettere di aumentare le derivazioni: un provvedimento, che consentirebbe di concludere la stagione e limitare danni economici alle aziende agricole .

Analoga situazione critica si registra in Val d’Enza, dove  il Consorzio di bonifica dell’Emilia Centrale ed altri enti irrigui chiedono la medesima deroga al D.M.V. per evitare danni alle colture tipiche, minacciate ormai in modo endemico dalla carenza d’acqua. Le scarse piogge agostane, cadute in modo disomogeneo, non hanno infatti dato sollievo alle colture; in evidente sofferenza sono vigneti e prati stabili.

La drastica riduzione di portata nell’alveo dell’Enza, registrata nei giorni scorsi, ha confermato il carattere torrentizio del corso d’acqua, che non è in grado di garantire il fabbisogno idrico, necessario al suo bacino. Per queste ragioni, anche  il Consorzio di bonifica dell’Emilia Centrale chiede un provvedimento temporaneo di deroga ai limiti dell’attuale Deflusso Minimo Vitale per scongiurare danni certi alle produzioni, non alterando al contempo  l’ecosistema fluviale.

“Cambiamenti climatici e necessità produttive stanno allungando la stagione irrigua, obbligando a porre rimedio a situazione di criticità idrica – commenta Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI)Per questo bisogna avviare da subito il confronto, fra tutti i soggetti interessati, per un’interpretazione univoca del concetto di D.M.V. soprattutto in vista della prossima attuazione della Direttiva Europea sui Deflussi Ecologici, che si pone l’obbiettivo di conseguire l’equilibrio  fra raggiungimento del buono stato dei corsi d’acqua, richieste per gli utilizzi idrici e diminuzione di disponibilità di risorse idriche a causa dei cambiamenti climatici. E’ necessario individuare e verificare  misure sostenibili, che tengano conto delle specificità dei singoli territori, tenendo conto, ad esempio, delle condizioni dei torrenti appenninici, non confrontabili con i regimi idrologici di altre aree continentali; per questo, anche attraverso l’associazione Irrigants d’Europe, insisteremo per la revisione dell’attuale interpretazione dei Deflussi Ecologici, fortemente penalizzante le attività primarie del nostro Paese.”

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi