CAPORALATO: L’UCI DI SERPILLO AL TAVOLO NAZIONALE

image_pdfimage_print

L’Unione Coltivatori italiani sempre più presente nelle vicende “calde” del mondo dell’agricoltura. Il tavolo nazionale del caporalato, che su convocazione del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, si riunirà il prossimo 20 febbraio, vedrà anche l’UCI tra i protagonisti diretti.

Il percorso è interministeriale e coinvolge tutte le forze sociali ed istituzionali del settore. Fanno parte dell’Assise anche il Ministro per le Politiche Agricole, Teresa Bellanova, il Ministro dell’Interno, Lamorgese, l’Inps, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Direzione generale per l’immigrazionee le Politiche di integrazione, rappresentanti dell’Osservatorio sulla Criminalità in agricoltura, le maggiori sigle sindacali dell’agricoltura italiana, enti del terzo settore.

L’obiettivo del tavolo è quello di elaborare il Piano Triennale (2020 – 2022) atto a sviluppare la strategia nazionale di contrasto al caporalato ed allo sfruttamento lavorativo in agricoltura.

L’UCI, organizzazione che nasce nel 1966 proprio sulla base delle istanze del mondo rurale, per portare giustizia sociale e valori inclusivi anche nel mondo del lavoro nelle campagne, porterà il proprio contributo in termini di idee; attualmente l’organizzazione guidata da Mario Serpillo è coinvolta in due progetti sul contrasto al fenomeno caporalato in qualità di partner agricolo, uno a livello nazionale ed un altro relativo alla sede UCI provinciale di Reggio Calabria.

Un’ulteriore conferma del cammino tracciato nelle relazione del Presidente Serpillo, appena una settimana fa; l’UCI è attiva a livello sindacale su tutto il territorio nazionale e mantiene gli impegni assunti.

“E’ un altro tassello della nostra visione del mondo agricolo, spiega Mario Serpillo, e bene si combina con la richiesta, presentata ieri alla Camera, di istituire un ministero per il Made in Italy. Crediamo che produzione, logistica e vendita siano anelli della stessa catena del valore e vogliamo renderli sostenibili a tutti i livelli.

Da noi non c’è posto per il caporalato”, la conclusione del Presidente.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi