CAPORALATO, MONGIELLO, PD: LEGGE VA APPLICATA E INTEGRATA

A poche ore dalla manifestazione contro il caporalato, a cui mi dispiace molto non poter partecipare per impegni professionali che mi hanno condotto all'estero, ritengo doveroso esprimere alcune considerazioni provando ad andare oltre la commozione e la compassione che le tragedie dei giorni scorsi hanno suscitato.

Un primo dato di fatto da riportare è che la legge, che ho contribuito a scrivere ed approvare, sta funzionando nella parte repressiva. Arresti, sequestri amministrativi e multe dimostrano che lo Stato è seriamente impegnato a contrastare l'illegalità nei campi.

Altro dato di fatto è che la Regione Puglia è concretamente impegnata a organizzare il servizio di trasporto e di accoglienza dei lavoratori migranti. Impegno che potrebbe garantire risultati migliori con una maggiore collaborazione di aziende agricole e Comuni.

Ecco perché trovo politicamente sbagliato perseguire, come ha dichiarato il ministro Centinaio, la via della revisione della legge senza aver prima fatto in modo che ciascuna delle sue parti sia realmente applicata.

Pensiamo alla 'rete lavoro' costituita per facilitare e legalizzare l'incontro tra domanda e offerta di lavoro nei campi. In tutta Italia sono solo 3.500 le aziende che hanno aderito al nuovo sistema d'intermediazione. Un numero di poco superiore al 5% delle imprese agricole della sola provincia di Foggia.

Se le aziende non partecipano alla 'rete lavoro', è impossibile stabilire tempi e modalità del trasporto in sicurezza dei lavoratori, italiani e stranieri. Se questo sistema non funziona, ragioniamo insieme su come modificarlo e migliorarlo.

Perché c'è una sola certezza: l'inerzia favorisce la vittoria dei caporali!

Invece di smantellare la legge, Governo e maggioranza potrebbero integrarla introducendo premialità economiche a vantaggio delle aziende che operano legalmente, rendendole riconoscibili con il 'marchio etico' attribuito a chi promuove lavoro vero e non lavoro nero.

Così come dovrebbero agire rapidamente ed efficacemente per vietare le aste al doppio ribasso praticate dalla Grande Distribuzione Organizzata, che penalizzano doppiamente i produttori di fatto imponendo prezzi di vendita del prodotto trasformato che non consentono la copertura dei costi.

Se davvero vogliamo sconfiggere i caporali certamente dobbiamo reprimere severamente ogni forma di sfruttamento e altrettanto certamente dobbiamo costruire un'alleanza tra imprese, lavoratori e consumatori per mettere al bando chi non ha scrupoli a sfruttare agricoltori e braccianti italiani e stranieri in nome del profitto.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi