CAPORALATO SUI CAMPI: ASSESSORE VENETO ALL’AGRICOLTURA, “SCHIAVITÙ DELINQUENZIALE DA PREVENIRE CON L’AIUTO DI TUTTA LA FILIERA – IN REGIONE VENETO LE ANTENNE SONO ALTE”

image_pdfimage_print

“Ringrazio i carabinieri di Padova, Venezia e Rovigo e gli organi inquirenti per il paziente e lungo lavoro che ha messo alle strette l’associazione per delinquere che arruolava e metteva in schiavitù nei campi connazionali nordafricani irregolari. Il caporalato è una piaga presente purtroppo anche nelle nostre campagne, ad opera di dubbie realtà imprenditoriali o cooperative”.

All’indomani dell’operazione dei carabinieri che ha fatto emergere una vicenda di caporalato nella Bassa Padovana, l’assessore regionale all’agricoltura  rivolge il ringraziamento dell’istituzione regionale agli organi inquirenti e alle forze dell’ordine per il lavoro svolto e lancia un appello a tutto il mondo agricolo e agli organi ispettivi per intensificare la vigilanza. “Nel maggio dello scorso anno la Regione Veneto si è fatta promotrice di un patto operativo tra i propri referati al Lavoro, alla Sanità e alle Politiche Agricole con l’Ispettorato interregionale del lavoro, Inps, Inail, Anpal, sindacati, associazioni datoriali e rappresentanze delle cooperative del mondo agricolo, per condividere le banche dati e a fare squadra per prevenire e contrastare fenomeni di sfruttamento lavorativo e pratiche illegali nei lavori agricoli. Un patto voluto per alzare le antenne nel nostro territorio e impedire che la piaga dello sfruttamento inquini la sana competizione e la qualità di un settore che conta 65 mila aziende, circa 174 mila occupati, e che vale quasi 6 miliardi di Pil”.

“L’operazione condotta dai carabinieri delle tre province dimostra che le antenne ci sono e che la soglia di attenzione resta alta, nonostante questi fenomeni criminali siano abili nel raggirare le leggi – prosegue l’assessore –  Invito pertanto gli organi ispettivi a non abbassare la guardia e ad utilizzare al meglio gli organici e gli strumenti che la legge contro il caporalato mette a disposizione. Faccio inoltre appello al senso di responsabilità del mondo agricolo – conclude il titolare delle politiche regionali per il settore primario - per allertare tutta la filiera, dal campo allo scaffale del supermercato al consumatore finale, perché siano garantite sempre trasparenza e sicurezza non solo sulla qualità alimentare del prodotto, ma anche sul suo valore ‘etico’, cioè sul rispetto della legalità e del lavoro impiegato per produrlo”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi