CARNE CAVALLO: COLDIRETTI, RAGU’ STAR SU TAVOLE DI 3,3 MLN DI FAMIGLIE

Sono 3,3 milioni le famiglie italiane che acquistano il Gran Ragu’ Star che è stato il primo sugo pronto prodotto a livello industriale in Italia oltre 50 anni fa, nel 1962. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che la scoperta di carne equina proveniente dalla Romania in alcune partite prodotte in Italia è un grave danno all’immagine della cucina Made in Italy che rende necessario intervenire con l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza degli alimenti utilizzati per chiudere le porte alle frodi e agli inganni. Il segmento sughi a base carne - sottolinea la Coldiretti - cresce e vale in Italia 70,8 milioni di euro con il Gran Ragù Star che da anni è al primo posto con una quota del 36 per cento e una diffusione in oltre il 13 per cento delle famiglie italiane che però nella stragrande maggioranza preferiscono ancora prepararsi il ragu’ in casa.

Lo scandalo della carne di cavallo ha messo in evidenza - sottolinea la Coldiretti - l’esistenza di un giro vorticoso di partite di carne che si spostano da un capo all’altro dell’Europa attraverso intermediazioni poco trasparenti. Un meccanismo che - precisa la Coldiretti - rende piu’ facili le contaminazioni sia per le multinazionali che per le piccole aziende, che dovrebbero invece valutare concretamente l’opportunità di risparmiare sui trasporti per acquistare prodotti locali che offrono maggiori garanzie di qualità e sicurezza alimentare. Secondo l’indagine Coldiretti/Swg ben il 65 per cento degli italiani si sente garantito da un marchio degli agricoltori italiani, il 16 per cento da quello della distribuzione commerciale e appena il 9 per cento da uno industriale. La Star è uno dei tanti casi di Made in Italy ceduto all’estero: nata in Brianza nel 1948, a fine 2006 da azienda familiare italiana è entrata infatti a far parte di un nuovo gruppo multinazionale alimentare spagnolo Gallina Blanca.

Secondo quanto rilevato dai carabinieri dei Nas di Milano nei prodotti sequestrati presso la ditta 'STAR Stabilimento Alimentare S.p.A.' di Agrate Brianza (MB) - continua la Coldiretti - erano state utilizzate partite di carne macinata congelata proveniente dalla Romania ed acquistate dal fornitore francese GEL ALPES di Saint Maurice - Manosque, gia' posto sotto attenzione da parte delle Autorita' transalpine. Con i Ragu’ Star salgono a circa 200 i diversi tipi di confezioni alimentari ritirate dal commercio in almeno 24 Paesi situati soprattutto in Europa, ma anche in Asia e America, con danni che hanno superato il miliardo di euro tra confezioni sequestrate e distrutte, cali nei consumi provocati dalla psicosi, costi dei maggiori controlli da parte delle Istituzioni e delle aziende del settore e perdita di valore delle aziende interessate, secondo una analisi della Coldiretti sulla base del monitoraggio effettuato dal portale eFoodAlert.net dal quale si evidenzia che ad essere coinvolte sono le principali multinazionali della distribuzione commerciale e dell’industria alimentare, dalla Findus alla Nestlè fino alla Star, da Carrefour ad Auchan fino alla Lidl, ma anche i punti vendita di Ikea in diverse parti del mondo. La contaminazione della carne di cavallo - conclude la Coldiretti - è stata scoperta praticamente in tutte le diverse tipologie di prodotti trasformati a base di carne di manzo dalle lasagne ai tortellini, dai ravioli ai cannelloni, dagli hamburger alle polpette, dal kebab alla moussaka fino al goulash e al ragu’.

com/neo

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi