CETA, LUCASELLI, FDI: AUTOSTRADA PER CONTRAFFAZIONE MADE IN ITALY

“Al di là dei dati Ue che ostentano esultanza sull’export agroalimentare italiano nell’ambito dell’entrata in vigore provvisoria del Ceta, ci preoccupano i rilievi di Coldiretti. La sigla che rappresenta i produttori, infatti, segnala un calo del 3% dell’export del vino, con alcune criticità gravissime”. Lo dichiara la deputata di Fratelli d’Italia Ylenja Lucaselli. “Da un lato, manca la tutela di denominazioni nate dopo il 2003. Dall’altro lato, poi, non c’è nessuna messa al bando dei ‘wine kit’. Il risultato è un’autostrada per la contraffazione alimentare, e la diffusione di finti-vini che fanno strame della nostra tradizione. Rincuora che il ministro Centinaio abbia assicurato volontà di ridiscutere l’accordo, ci auguriamo che il governo dimostri fermezza su questi temi ineludibili”, conclude.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi