CIA E FIDAL FIRMANO ACCORDO, AGRICOLTURA SI UNISCE ALLO SPORT

Oggi a Roma la Confederazione italiana agricoltori e la Federazione italiana di atletica leggera hanno siglato un nuovo protocollo d’intesa per realizzare iniziative congiunte che uniscano attività fisica e natura. Con un’attenzione particolare alla corretta alimentazione. Intanto prosegue il progetto comune delle “Fattorie Sportive”: le prime verranno realizzate a Spoleto, in Umbria, e in Puglia.

Riparte la collaborazione tra Cia e Fidal per unire la pratica sportiva al mondo agricolo, integrando la voglia o la necessità di movimento alla valorizzazione del territorio italiano e dei prodotti agroalimentari locali.
Dopo le iniziative congiunte sviluppate negli anni passati, dalla “Maratona del Gusto e delle Bellezze d’Italia” alle più recenti “Fattorie Sportive”, la Confederazione italiana agricoltori e la Federazione italiana di atletica leggera sottoscrivono un nuovo protocollo d’intesa, siglato oggi dai rispettivi presidenti Giuseppe Politi e Alfio Giomi, a Roma nella sede nazionale dell’organizzazione agricola.
Cia e Fidal, si legge nel testo dell’accordo, “concordano sul comune interesse a coniugare, con una serie di iniziative raccolte in un format, la cultura del territorio e la cultura dello sport, individuando nel comune sistema di valori del mondo rurale e dell’atletica leggera un utile contesto per promuovere nel cittadino corretti stili di vita”.
Nello specifico, le due organizzazioni riconoscono nelle “manifestazioni sportive nazionali e internazionali, oltre che in eventi collegati alle suddette, l’occasione per la diffusione dei rispettivi ambiti operativi promozionali e culturali”.
D’altra parte, già negli anni scorsi, la Cia è scesa in pista con la Fidal per portare nel mondo i sapori, la qualità e la tipicità del “made in Italy”, partecipando a tutte le tappe di Casa Italia Atletica, dai Campionati europei di Barcellona fino alla Maratona di New York.
Ma la vera “comunione d’intenti” tra Cia e Fidal è nata con il progetto “Fattorie Sportive”, che ha l’obiettivo di portare l’atletica, non solo intesa in senso agonistico, fuori dalla città e immergerla in campagna e nei parchi, in un ambiente naturale ma strutturato promuovendo l’ospitalità, i prodotti e i servizi delle imprese agricole e degli agriturismi. Al centro del progetto ci sono i cosiddetti “percorsi intelligenti”: vere e proprie piste di allenamento nel verde, ad alto contenuto tecnologico, in cui correre o camminare immersi nei luoghi dove la cultura agroalimentare è di casa, scoprendo (e assaggiando) quali sono e come si producono tutti quegli alimenti indispensabili per una dieta corretta ed equilibrata, fondamentale sia per l’atleta professionista sia per chi fa movimento per stare bene o per affrontare un percorso riabilitativo dopo un infortunio.
“La fase sperimentale è già a buon punto -ricordano oggi le due organizzazioni-. Le prime Fattorie Sportive verranno realizzate a Spoleto, in Umbria, e in Puglia dove, grazie alla collaborazione con il GAL di Lecce e nel rispetto delle tradizioni locali, si sta lavorando per dar vita alle prime ‘Masserie Sportive’. Sono inoltre in corso nelle varie regioni italiane i sopralluoghi di altre strutture interessate che, aderendo al progetto, potranno contribuire a creare una rete di Fattorie Sportive in tutta la penisola”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi