CIA RILANCIA I SUOI GIE, NUOVE SQUADRE DI ESPERTI PER SETTORE PRODUTTIVO AGRICOLO

Parte la riorganizzazione e il rilancio dei Gie, i Gruppi di interesse economico di Cia-Agricoltori Italiani. Obiettivo della nuova fase, che si è aperta oggi a Roma con l’Assemblea all’Auditorium “Giuseppe Avolio”, rafforzare il protagonismo degli agricoltori aumentando la capacità dei Gruppi di essere momento di confronto e studio costante e non episodico, utilizzando anche il supporto di esperti nei diversi settori produttivi e intrecciando relazioni con i vari soggetti delle filiere.

Tre le direttrici prioritarie su cui si svilupperà il lavoro dei nuovi Gie e dei relativi Comitati di prodotto: approfondimenti delle condizioni di mercato; strutturazione dei sistemi (OP, coop, etc); organizzazione delle filiere nell’interprofessione. In questo modo si potrà dare un costante ed effettivo sostegno alle decisioni degli organismi della Cia per la definizione delle politiche economiche.

I nuovi Gruppi di interesse economico saranno otto, così suddivisi:

•              Olivicoltura, olio e vivaismo olivicolo, presidente Gino Catania;

•              Viticoltura, vino e vivaismo viticolo, presidente Roberto Sandro;

•              Ortofrutta e vivaismo ortofrutticolo, presidente Antonio Dosi;

•              Cereali e produzioni industriali (riso, pomodoro da industria, bieticoltura, tabacco), presidente Leonardo Moscaritolo;

•              Coordinamento Zootecnia (sistema allevatoriale, avicoltura, cunicoltura, cavalli, api), presidente Raffaele Portaro;

•              Latte bovino, presidente Flavio Furlani;

•              Bovini da carne, presidente Roberto Buratto;

•              Suini e Ovi-caprini, presidente Martino Scanu.

Il coordinamento organizzativo dei Gie è affidato a Enzo Mastrobuoni.

“Si tratta di un importante appuntamento per la Cia -spiega il presidente nazionale Dino Scanavino- per rilanciare il ruolo dei nostri Gruppi di interesse economico rendendo gli agricoltori sempre più protagonisti nella vita dell’organizzazione”.

Anche per questo, i nuovi Gie si articoleranno e struttureranno a livello regionale o interregionale, in base alle diversità e alle esigenze territoriali. Inoltre, la circolazione delle idee, documenti e analisi sarà rafforzata dall’uso di strumenti informatici e comunicativi adeguati.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi