CONFAGRICOLTURA FVG: BISOGNA FERMARE IL CONSUMO DI SUOLO

Secondo il Rapporto Ispra 2018 sul consumo di suolo, la nostra regione ha già perso, fino ad oggi, 70.571 ettari di suoli naturali e si pone al 5° posto in Italia per percentuale di suolo consumato sulla superficie amministrativa. Nell’ultimo anno, il Friuli VG è stata la regione italiana che ha mostrato il secondo incremento percentuale di aree urbane (+0,41 per cento) rispetto alla superficie esistente nel 2016. In valore assoluto sono 291 ettari di suolo naturale perso, corrispondenti a 408 campi di calcio!
«La mappa della localizzazione di questi recenti cambiamenti (2016-2017) colloca il nuovo consumo di suolo principalmente nelle aree di pianura e collinari che sono anche le più vocate per l’attività agricola - sottolinea Claudio Cressati, presidente regionale di Confagricoltura -. Un considerevole impatto è derivato dai lavori per la realizzazione della terza corsia dell’autostrada A4 Venezia-Trieste in alcuni Comuni della bassa pianura friulana, da un nuovo polo logistico a Pordenone, da un polo intermodale, da un parco fotovoltaico e dall’ampliamento di un importante centro commerciale».

La tendenza a consumare suolo al di fuori dei centri urbani in Friuli VG è supportata anche da un’analisi di più lungo periodo (fonte Ispra), che mostra come circa l’89 per cento del suolo consumato nel quinquennio 2012–2017 si collochi in contesti prevalentemente agricoli o naturali, oppure in contesti caratterizzati da media o bassa densità di aree urbanizzate. L’impatto negativo dell’espansione urbana sulle aree rurali non si limita alla perdita quantitativa di suoli, ma riguarda anche la perdita di servizi ecosistemici e la frammentazione di aree agricole e naturali causata dalla dispersione urbana e dallo sviluppo della rete infrastrutturale; frammentazione misurata con un indice che, nella nostra regione, mostra valori elevati proprio in quel 50 per cento del suo territorio che si colloca in pianura.

«È perciò indispensabile – suggerisce Cressati - approvare in Regione normative urbanistiche che consentano di perseguire il “consumo zero di suolo” raccomandato dalla Commissione europea, al fine di tutelare il suolo, risorsa non rinnovabile, che è bene comune e fondamento per l’attività agricola la quale, sempre più, può rivestire un ruolo strategico in un rilancio economico dei territori in linea con i principi della green economy e può contribuire notevolmente al miglioramento delle condizioni di vita nelle aree urbane e periurbane – conclude il presidente di Confagricoltura Fvg -, grazie alle importanti funzioni di produzione di beni alimentari, cura del territorio, riqualificazione del paesaggio e offerta di servizi di tipo ambientale, sociale, didattico e culturale».

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi