CONFAGRICOLTURA PUGLIA: TRISTEZA VIRUS, LA REGIONE PERDE I FONDI PER GLI AGRUMICOLTORI

image_pdfimage_print

Anni di ritardi hanno fatto perdere l'indennizzo dovuto agli agrumicoltori pugliesi che subirono l'attacco del Tristeza virus. Dopo 24 anni, dunque, gli operatori del settore non riceveranno nessun aiuto per il danno ricevuto dall'infezione che colpì gli agrumeti nel 1996. Confagricoltura Puglia ripercorre in un reclamo ufficiale inviato al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e al direttore Area Sviluppo Rurale Gianluca Nardone la vicenda. Nella lettera, l'organizzazione sottolinea le lentezze e le pastoie burocratiche di una Regione che, a parole, dice di supportare il settore agricolo, ma che, nei fatti, crea danni enormi.

“Nell'ormai lontanissimo 1996 – scrive il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro nella missiva - lo Stato Italiano, a fronte degli ingentissimi danni che il virus della Tristeza stava provocando agli agrumeti del tarantino, impose, con il D.M. 21/ 11/ 1996, l'estirpazione obbligatoria delle piante colpite, prevedendo un contributo che sarebbe dovuto essere erogato dalla Regione Puglia”.

“A distanza di decine di anni da quell'evento e solo dopo numerosissimi solleciti da parte delle Aziende interessate, siamo venuti a conoscenza del fatto che le somme stanziate, nonostante fosse pronto il relativo Atto dirigenziale per l'erogazione dei contributi, non potranno più essere erogate a causa prima del "patto di stabilità" e poi della lentezza burocratica della Regione”, specifica Confagricoltura Puglia.

Nonostante il rispetto istituzionale, l'organizzazione va a muso duro sulla vicenda che tocca nel vivo le aziende tarantine lasciate sole dalla Regione Puglia: “È un fatto di una gravità inaudita che la scrivente – Confagricoltura Puglia nda - stigmatizza e sul quale intende richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica”. “Non è assolutamente ammissibile – sottolinea Lazzàro - che oltre al danno economico diretto, conseguente all'estirpazione delle piante, le aziende debbano subire anche quello derivante dalle lentezze e dalle pastoie burocratiche di una Regione che, a parole, dice di supportare il settore agricolo, ma che, nei fatti, crea danni enormi allo stesso”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

BELLANOVA: IN CDM GARANZIE STATO PER LIQUIDITA IMPRESE PARI A 25% REDDITO ANNO PRECEDENTE
03/04/2020

BELLANOVA: IN CDM GARANZIE STATO PER LIQUIDITA IMPRESE PARI A 25% REDDITO ANNO PRECEDENTEIL MINISTRO: GARANTIRE LA FILIERA DELLA VITA

“Non c’è chi si occupa della salute e chi della economia. Dobbiamo aprire un grande tavolo su come rendere sicuri tutti i luoghi di lavoro perché con la chiusura totale non reggiamo a lungo. Dobbiamo mettere le persone in condizione di lavorare in salute, ed anche la filiera dell’agroalimentare merita […]



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi