CONFEURO: AGRICOLTURA PUGLIESE, E’ CAOS PSR

Quella che sta vivendo il comparto agroalimentare pugliese è una situazione assurda e paradossale che evidenzia le tante e gravi responsabilità della politica.

Una ulteriore riprova di tutto questo, che si aggiunge a fenomeni come quello della Xylella e del caporalato diffuso – dichiara in una nota il Presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – arriva dal caos che sta mettendo a rischio la possibilità di spesa dei fondi comunitari destinati al supporto del settore primario.

La Puglia di oggi infatti– continua Tiso – vanta numerosi record negativi, tra i quali quello di avere una capacità di spesa di queste risorse pari alla metà di quella europea (40%) e di oltre 10 punti inferiore alla media italiana (30%). La gravità della situazione rischia di avere pesanti ripercussioni, non solo sul presente, ma anche e sopratutto future.

Come Confeuro – conclude Tiso – chiediamo il massimo impegno delle istituzioni locali e nazionali per risolvere la questione PSR, ma anche una forte assunzione di responsabilità su quanto accaduto fino ad oggi; e questo non per una insana voglia di “giustizialismo”, ma per riuscire ad imparare dai propri errori e per dare valore agli sforzi di chi continua a lavorare la terra nonostante l'invisibilità da cui è spesso circondato.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi