COPAGRI LAZIO: ALLA CANTINA “LE MACCHIE” IL MARCHIO DEL CERVIM PER LA VITICOLTURA EROICA

“La concessione da parte del Centro di Ricerca, Studi, Salvaguardia, Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana-CERVIM all’utilizzo del marchio per la viticoltura eroica è un grande risultato, che ci inorgoglisce e ci ripaga di anni e anni di lavoro e sacrifici, andando al contempo a valorizzare la zona reatina, sprovvista di Indicazioni Geografiche vitivinicole, ma che ora ospita per la prima volta una cantina ufficialmente riconosciuta per la sua produzione eroica”. Lo sottolinea il presidente della Copagri Lazio Guido Colasanti, dando notizia dell’utilizzo del marchio concesso dal CERVIM alla cantina associata “Le Macchie” di Castelfranco, piccola frazione in provincia di Rieti.

 

“Tale riconoscimento va a premiare una zona molto complicata dal punto di vista agricolo, caratterizzata, come quasi tutte le aree montane, da difficili e imprevedibili condizioni metereologiche, capaci di rapidissime variazioni climatiche e di rigide temperature invernali, che rendono molto più complicata la maturazione delle uve e le normali attività agronomiche”, prosegue il presidente della Copagri Lazio.

 

“Non a caso - spiega la Copagri Lazio - il CERVIM, organismo internazionale nato con lo specifico compito di promuovere e salvaguardare la viticoltura eroica, va a valorizzare le produzioni che rispettano il territorio, l’ambiente pedoclimatico e i vitigni autoctoni, preservando la coltura della vite nelle piccole isole, nelle zone di montagna e in quelle a forte pendenza, come nel caso della cantina ‘Le Macchie’, che si trova a 623 metri sul livello del mare e con una pendenza del terreno superiore al 30%”.

 

“L’insieme dei fattori naturali, sociali ed economici che interagiscono nelle aree montane e in forte pendenza - si legge nelle motivazioni alla base del riconoscimento - condizionano in modo rilevante le attività economiche di queste zone, che secoli di separazione forzata hanno differenziato notevolmente dalle zone di pianura, sia per quanto attiene le modalità di lavorazione dei prodotti, in particolare di quelli alimentari in genere, sia per la loro grande varietà, frutto proprio di una molteplicità di areali produttivi limitati, magari anche prossimi, ma divisi per secoli in modo insuperabile”.

 

“Lavoreremo ora per andare a dare una connotazione internazionale al prodotto della cantina reatina, cercando di sfruttare appieno tutte le possibilità offerte dal marchio collettivo ‘CERVIM- Viticoltura Eroica’, che ci garantirà maggiore risalto e visibilità”, conclude Colasanti.

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi