COPAGRI: OMS, IMPENSABILE DISCUTERE PERIODICAMENTE DI TASSE E AVVISI PERICOLO PRODOTTI AGROALIMENTARI

“È impensabile tornare periodicamente a discutere dell’introduzione di tasse e dazi sui prodotti alimentari ritenuti ‘a rischio’ per la salute in relazione al contenuto di grassi, sale e zuccheri, così come di eventuali ‘avvisi di pericolo’ da apporre sulle confezioni, poiché il rischio concreto è quello di arrecare un considerevole danno d’immagine all’agroalimentare nazionale; a essere colpiti potrebbero essere l’olio d’oliva, il parmigiano reggiano, il grana padano e il prosciutto di parma, prodotti simbolo del made in Italy, conosciuti e apprezzati in tutto il mondo”. Così il presidente della Copagri Franco Verrascina a proposito della risoluzione proposta dai paesi del Foreign policy e global health (Fpgh) initiative dell’Onu, i quali hanno di recente presentato una proposta che richiama i temi già oggetto di un dibattito svoltosi in sede di Nazioni Unite a metà luglio. 

“In vista dell’esame della proposta di risoluzione, previsto per lunedì 12 novembre a New York in occasione dell’assemblea generale dell’Onu, vale la pena di ricordare che la dieta mediterranea, regime alimentare che esalta il consumo di prodotti tipici dell’agroalimentare nazionale, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità proprio dall’Unesco, l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite”, fa notare il presidente della Copagri.

 

“Invitiamo pertanto la rappresentanza italiana presso l’Onu e il Governo intero a lavorare a livello diplomatico per evitare pericolosi allarmi che rischiano di minare la fiducia dei consumatori, i quali secondo recenti studi si troverebbero a dover fronteggiare una maggiore spesa annua di circa 546 euro per famiglia, di penalizzare fortemente il comparto agroalimentare, già alle prese con numerose problematiche, ma anche di danneggiare i produttori agricoli, che vedrebbero ridursi ulteriormente il loro già risicato margine di guadagno”, conclude Verrascina.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

DL SEMPLIFICAZIONE, EMENDAMENTO AL SENATO AZZERA BANDO DI GARA VINTO DA LEONARDO ALLA META DEL PREZZO. CON UN COSTO DI 40 MLN DI EURO L’ANNO

DL SEMPLIFICAZIONE, EMENDAMENTO AL SENATO AZZERA BANDO DI GARA VINTO DA LEONARDO ALLA META DEL PREZZO. CON UN COSTO DI 40 MLN DI EURO L’ANNOTUTTO NASCE DA UNA LETTERA DELL'ANAC IN CUI VENGONO SOLLEVATE PERPLESSITA SULLA PRESENZA DI ALCUNE IMPRESE CONCORRENTI GIA PRESENTI NELLA COMPAGINE PRIVATA SIN

Non finisce mai la storia Sian. E, a bando fatto, vinto e ‘comprovato’ dalla stessa Consip, tutto viene rimesso in discussione. Con una perdita di denaro di circa 40 milioni di euro l’anno. Con un emendamento presentato al Ddl Semplificazione in discussione al Senato che azzera tutto. Questo nonostante il […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi