CORONAVIRUS, CDM STANZIA 25 MLD. ECCO LA RELAZIONE DI GUALTIERI. E MIPAAF CHIEDE DEROGHE PAC, PSR E OCM. LA LETTERA ALLA DG AGRI

Il Governo - riunitosi in Cdm - ha stanziato in totale 25 miliardi di euro per far fronte all'emergenza Coronavirus. Di questi, 20 miliardi sono di indebitamento netto. Nel frattempo Conte - attraverso  il ministro Speranza - ha chiesto al governatore della regione Lombardia Attilio Fontana una richiesta ufficiale e corredata di dati per dare seguito eventualmente alla richiesta di chiudere tutto. Come nelle zone a maggior contenimento. Sebbene titubi a fronte delle ripercussioni economiche che ne deriverebbero.

Nella relazione integrativa portata in Cdm dal ministro delll'Economia Gualtieri - di cui AGRICOLAE è venuta in possesso e che pubblica in PDF a pie di pagina - si legge che "l’obiettivo prioritario, è di proteggere la salute dei cittadini italiani e salvaguardare il buon funzionamento del sistema sanitario e ospedaliero attraverso misure che consentano di frenare il numero di nuovi contagi.

Queste misure, non previste al momento della presentazione alle Camere della Relazione al Parlamento 2020, approvata dal Consiglio dei Ministri del 5 marzo 2020, determinano un ulteriore impatto sulla situazione socio-economica del Paese.

Il Governo ritiene quindi di dover rafforzare ulteriormente il sostegno che intende assicurare al sistema sanitario, ai cittadini e alle imprese; nonché le risorse a favore della protezione civile e della sicurezza, attraverso le misure già indicate nella Relazione, di cui questo documento costituisce una integrazione.

Sono inoltre precostituite le condizioni per avere la disponibilità di risorse aggiuntive al fine di assicurare il finanziamento di eventuali ulteriori iniziative che si rendesse necessario adottare con tempestività e urgenza in un quadro di interventi coordinati a livello europeo.

Complessivamente, sentita la Commissione europea, la richiesta di autorizzazione all’ulteriore ricorso all’indebitamento, aggiuntiva a quanto già indicato nella Relazione al Parlamento 2020, è incrementata di ulteriori 13,75 miliardi di euro (pari a circa 0,8 punti percentuali) da utilizzare nel corso del 2020 in relazione all’ulteriore intensificarsi e diffondersi dell’epidemia da Covid-19. Considerata anche la precedente richiesta di autorizzazione, l’obiettivo programmatico di indebitamento netto potrà pertanto aumentare fino a 20 miliardi di euro, corrispondenti a circa 1,1 punti percentuali di PIL.  

Considerato l’importo complessivo per il quale si chiede l’autorizzazione delle Camere, il saldo netto da finanziare del bilancio dello Stato potrà aumentare fino a 104,5 miliardi di euro nel 2020 in termini di competenza e a 154 miliardi di euro in termini di cassa, con un incremento degli stanziamenti fino a 25 miliardi sia in termini di competenza che in termini di cassa.

Considerata la temporaneità degli interventi e nelle more di un più complessivo aggiornamento dello scenario economico e di finanza pubblica da definire con il prossimo Documento di economia e finanza, rimane invariato il percorso di convergenza verso l’MTO già indicato nella Relazione al Parlamento già presentata".

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica il documento:

INTEGRAZIONE RELAZIONE 2020 DEFINITIVA

A fare la propria parte per far fronte all'emergenza sono tutti i dicasteri. Ognuno per le competenze che li riguardano.

Il ministero delle Politiche agricole di Teresa Bellanova ha chiesto - con lettera ufficiale del 28 febbraio indirizzata alla DG Agri della Commissione europea - la proroga per la presentazione della domanda Pac 2020 e per l'erogazione dei saldi delal domanda unica dei premi a superficie dello sviluppo rurale 2019.

Ma non solo. Nella missiva - di cui AGRICOLAE è venuta in possesso e che pubblica a pie di pagina - il Mipaaf chiede, per quanto riguarda le OCM, anche di "prevedere opportune deroghe finalizzate ad assicurare maggiore flessibilità sull'esecuzione e sulla tempistica delle attività programmate, in particolare per l'OCM VINO, e anche per quanto riguarda la rendicontazione delle spese delle attività per il corrente esercizio finanziario".

Mentre per l'OCM ORTOFRUTTA, "sarebbe necessario - scrive ancora il ministero con la penna di Giuseppe Blasi - garantire i medesimi livelli di spesa nei programmi operativi delle organizzazioni dei produttori".

Nella lettera di richieste alla Commissione europea viene menzionata anche la situazione del PSR Puglia - per la quale c'è già stata la risposta con il via libera alla proroga - e viene precisato che "il quadro sopra esposto potrebbe dover essere rivisto in relazione al possibile perdurare dell'emergenza in relazione all'andamento dei dati epidemiologici con effetti attualmente non prevedibili sull'attiviità degli agricolotori e delle amminsitraizni interessate".

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica la lettera MIPAAF alla DG AGRI:

RICHIESTA DEROGHE UE 28-02-2020.pdf

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi