CORONAVIRUS: CIA, POSITIVE LE PRIME MISURE DEL GOVERNO PER EMERGENZA

image_pdfimage_print

 

Le prime misure del governo per affrontare l’emergenza Coronavirus sono positive. Così Cia-Agricoltori Italiani interviene sulla crisi in atto a livello nazionale e sulle prime avvisaglie di crisi e problematiche internazionali, sottolineando l’importanza di guardare subito anche ad azioni più strutturali a sostegno di tutte le imprese italiane.

In particolare, Cia ritiene valida la sospensione degli adempimenti e dei pagamenti dei tributi e delle ritenute fiscali, come dei contribuiti previdenziali obbligatori, per cittadini e imprese negli 11 Comuni della zona rossa tra Lombardia e Veneto, che stanno subendo le conseguenze più pesanti. Apprezzata da Cia, la scelta di attivare la Cassa integrazione in deroga per tutte le aziende che non sono coperte da un sistema di integrazione al reddito e, quindi, pure per quelle del settore agricolo. Bene, la trasformazione della Cassa integrazione straordinaria in ordinaria e, a copertura, la disponibilità ipotizzata di 21 milioni di euro, nei primi due mesi. Positiva, secondo Cia, anche laprevisione di indennizzi per i lavoratori autonomi, compresi i produttori agricoli.

E’ chiaro, però, che si tratta di una situazione straordinaria che coinvolge a cascata tutta l’Italia, a partire dalleaziende, anche dell’agroalimentare e del turismo, che operano nelle aree circostanti la cosiddetta zona rossa e che con essa lavorano, affrontando ora -segnala Cia- le inevitabili ricadute negative dal punto di vista sia commerciale cheorganizzativo, come le difficoltà nel reperire manodopera.

Uno scenario tale -sottolinea Cia- che richiede, quindi, di pensare all’intero sistema Paese e all’adozione diinterventi di sostegno più strutturali a favore dei comparti produttivi, in particolare del Nord Italia che da solo vale oltre il 50% del Pil nazionale. Si segnalano, inoltre, i primi cenni di crisi sui mercati internazionali che richiedono monitoraggio e lavoro delle diplomazie.

I produttori Cia stanno continuando a lavorare per sostenere anche le aree più colpite, vigilando sulla filiera e respingendo ogni tentativo di speculazione sui prezzi dal campo alla tavola. Va detto però -torna a sottolinea l’organizzazione- che le criticità sono in costante aumento e occorre, quindi, risolvere tempestivamente i problemi legati alla logistica e alla distribuzione che limitano l’attività delle strutture produttive, a partire dalle zone più coinvolte.

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

CURA ITALIA, ANTICIPO PAC RISCHIA DI SLITTARE. MAXIEMENDAMENTO PREVEDE IL 15 MAGGIO MA RAGIONERIA STATO CHIEDE IL 15 GIUGNO. I TESTI

CURA ITALIA, ANTICIPO PAC RISCHIA DI SLITTARE. MAXIEMENDAMENTO PREVEDE IL 15 MAGGIO MA RAGIONERIA STATO CHIEDE IL 15 GIUGNO. I TESTIECCO IL MAXIEMENDAMENTO E LA NOTA DELLA RAGIONERIA DELLO STATO. LA PARTITA SI GIOCHERA ALLA CAMERA

Il maxiemendamento al Cura Italia ha avuto l’ok del Senato. Ma resta in forse se l’anticipo della Pac, chiesto e ottenuto dal Mipaaf e previsto per il 15 maggio, slitterà al 15 giugno. Infatti, sebbene nel testo bollinato e approvato – che AGRICOLAE allega di seguito – figuri a pagina […]



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi