CORONAVIRUS, ITALIA PENALIZZATA DA PAESI UE PER EFFICIENZA DEI SUOI CONTROLLI. AL NORD RUMENI IN FUGA DAI CAMPI

image_pdfimage_print

Non si arresta l’emergenza Coronavirus in Italia. Continua a crescere il numero dei contagiati, 374 secondo gli ultimi dati della Protezione civile - di cui quattro minori, e sono salite a 12 le vittime. Mentre il Paese sta impiegando tutti gli sforzi possibili per isolare i focolai di Covid 19, ci sono tensioni su due fronti. Quello interno, che ha visto contrapporsi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il governatore della Regione finora maggiormente colpita – la Lombardia – Attilio Fontana, e quello estero, con sempre più paesi che stanno isolando l’Italia, sconsigliando di intraprendere viaggi o non permettendo ai nostri connazionali l’ingresso. La nostra “emergenza” secondo molti nasce però dall’efficienza, ovvero dal numero elevato di controlli per individuare tutti i possibili casi. Cosa che non sta avvenendo in altri paesi. Il paragone più spesso citato è con la Francia dove sono stati fatti soltanto poche centinaia di tamponi contro i nostri oltre 9.000. Stesso meccanismo che ha sempre contraddistinto il nostro sistema agroalimentare sottoposto a rigorose verifiche che hanno portato allo scoperto anche frodi, esponendo a volte intere filiere a processi mediatici.

“Diremo agli omologhi europei e all’Oms che l’Italia sta rivelando a tutto il mondo questi dati, ma questo non deve portare a nessun fraintendimento – ha assicurato Conte -. Il nostro sistema sanitario è eccellente e le misure di cautela sono di massimo rigore”. Un’azione che avrà “un effetto contenitivo della diffusione del virus”.

Gli effetti del Coronavirus rischiano però di presentare un conto molto salato alla nostra economia. Ad essere fortemente penalizzata potrebbe essere anche l’agricoltura. A lanciare l’allarme è oggi la Coldiretti che parla di rischio paralisi per il lavoro di 500 aziende agricole negli undici comuni della zona rossa fra Lombardia e Veneto a causa dei provvedimenti restrittivi adottati in aree a forte vocazione agricola, dagli allevamenti ai vigneti, dagli agriturismi alle cantine. Nella fascia di quarantena, spiega la Coldiretti, vivono oltre centomila fra mucche e maiali ed e' necessario garantire una adeguata assistenza nelle stalle e della forza lavoro nei campi, anche in vista delle semine. Per il vino il problema maggiore riguarda il blocco delle visite nelle cantine e i lavori fra i vigneti mentre gli agriturismi sono vuoti. Le difficoltà - sottolinea la Coldiretti - si estendono in realtà all'intera area della pianura padana dove nasce oltre 1/3 del Made in Italy agroalimentare, direttamente condizionato dall'emergenza coronavirus nell'attività produttiva e commerciale. A questo si aggiunge la decisione della Romania di mettere in quarantena tutti i cittadini provenienti dalle regioni Lombardia e Veneto. Un provvedimento che rischia di privare l'agricoltura italiana dei centomila lavoratori che ogni anno dalla Romania raggiungono l'Italia per le attività stagionali nelle campagne.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

ZOOTECNIA, FILIERA SCRIVE A FOA: BASTA DA RAI TV DI STATO TEOREMI PRECOSTITUITI PER FARE SENSAZIONALISMO. CI SI BASI SU SCIENZA. LE LETTERE
06/04/2020

ZOOTECNIA, FILIERA SCRIVE A FOA: BASTA DA RAI TV DI STATO TEOREMI PRECOSTITUITI PER FARE SENSAZIONALISMO. CI SI BASI SU SCIENZA. LE LETTEREGIA IN PASSATO IL MONDO SCIENTIFICO AVEVA LANCIATO UN MONITO: BASTA PEZZI 'SHOCK', STUDIARE PRIMA DI SCRIVERE

C’è chi insiste sul Coronavirus creato in laboratorio come arma chimica per mettere in ginocchio l’economia cinese e poi sfuggito di mano e c’è chi persevera sul fatto che sia collegato alla zootecnia e che l’inquinamento globale dipenda dalla ruminazione e dai peti delle vacche. Tra questi figura anche la […]

CORONAVIRUS, IL NUMERO DA CHIAMARE? TUTTO DIPENDE DAL MEDICO DI BASE. E NIET TAMPONI, ANCHE SE SI STA MALE
01/04/2020

CORONAVIRUS, IL NUMERO DA CHIAMARE? TUTTO DIPENDE DAL MEDICO DI BASE. E NIET TAMPONI, ANCHE SE SI STA MALEDIVERSA LA SITUAZIONE PER MEDICI E INFERMIERI CHE SONO IN PRIMA LINEA

Se ci si sente male, con pressione al petto, tosse secca, febbre, spossatezza, occhi lucidi e così via e si spera di poter avere un aiuto da numero preposto dalla regione Lazio, la risposta è sempre la stessa: “chiami il suo medico della mutua” oppure un inequivocabile “niente tamponi”. E […]

CORONAVIRUS PRESTA IL FIANCO AD ANARCHICI E CRIMINALI: SACCHEGGIATE I SUPERMERCATI. IL VOLANTINO. RAZZANTE: NUOVE POVERTA RAFFORZANO CRIMINALITA. CHE NON HA MAI PROBLEMI A FINANZIARE
29/03/2020

CORONAVIRUS PRESTA IL FIANCO AD ANARCHICI E CRIMINALI: SACCHEGGIATE I SUPERMERCATI. IL VOLANTINO. RAZZANTE: NUOVE POVERTA RAFFORZANO CRIMINALITA. CHE NON HA MAI PROBLEMI A FINANZIAREBELLANOVA: SOFFERENZA ALIMENTARE NON DIVENTI QUESTIONE DI SICUREZZA NAZIONALE. CRIMINALITA E’ SEMPRE PRONTA. REGIA NAZIONALE INDIGENTI

“Saccheggiate i supermercati per evitare la fame e distribuite il cibo ai più bisognosi. Fate inciampare i poliziotti. Incendiate le scuole e i commissariati”. In un clima di povertà che si va a sommare con l’emergenza sanitaria, aumenta il rischio dell’influenza sulla popolazione della criminalità organizzata e dei movimenti sovversivi. […]

CORONAVIRUS, IL 31 GENNAIO IL GOVERNO AVEVA DICHIARATO STATO DI EMERGENZA NAZIONALE PER SEI MESI, FINO A LUGLIO. ECCO LA DELIBERA
20/03/2020

CORONAVIRUS, IL 31 GENNAIO IL GOVERNO AVEVA DICHIARATO STATO DI EMERGENZA NAZIONALE PER SEI MESI, FINO A LUGLIO. ECCO LA DELIBERAIMPRESE AGRICOLE E AGROALIMENTARI GARANTI DEI BENI DI PRIMA NECESSITA

Il 30 gennaio il governo aveva preventivato (e dichiarato) su proposta del presidente del Consiglio con delega ai servizi segreti – e non su proposta del ministro della Salute – lo stato di emergenza nazionale per Coronavirus per la durata di sei mesi. Ovvero fino a fine luglio 2020. E’ […]



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi