COVID19, STUDIO HARVARD: NELLE AREE INQUINATE IL 15% DI PROBABILITÀ IN PIÙ DI MORIRE

Secondo una nuova analisi dell'Università di Harvard su 3.080 contee in tutto il Paese riportata da Axios, i pazienti affetti da coronavirus nelle zone più inquinate degli Stati Uniti hanno maggiori probabilità di morire per la malattia rispetto a quelli delle aree più pulite.

Lo studio indica una correlazione tra l'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e l'aumento del tasso di mortalità associato al virus. I suoi risultati potrebbero avere un impatto su come le risorse mediche necessarie per rispondere al virus vengono distribuite negli Stati Uniti, secondo il New York Times.

La nuova analisi ha dimostrato che anche lievi aumenti del livello di inquinamento da particelle - la maggior parte dei quali deriva dalla combustione di combustibile, così come da fonti interne - hanno avuto impatti negativi associati a COVID-19.

Chi ha vissuto per decenni in una contea con livelli di inquinamento così pericolosi, chiamata PM 2,5, ha il 15% di probabilità in più di morire a causa del coronavirus rispetto a un individuo in una zona con un'unità di inquinamento del particolato in meno.

Sempre secondo lo studio, L 'abbassamento del particolato medio a Manhattan di una singola unità negli ultimi 20 anni avrebbe portato a 248 morti in meno di COVID-19.

Per condurre lo studio, i ricercatori hanno raccolto dati sul particolato da oltre 3.000 contee negli ultimi 17 anni. Hanno compilato le statistiche dei decessi COVID-19 fino al 4 aprile da ogni contea, utilizzando i dati del Centro per la scienza e l'ingegneria dei sistemi della Johns Hopkins University.

I ricercatori hanno anche condotto sei analisi secondarie per adeguarsi a fattori esterni che potrebbero influenzare i risultati.

Lo studio dovrà essere confermato da ulteriori analisi, poiché può solo determinare una connessione causale senza esaminare i dati dei singoli pazienti, precisa il suo ricercatore capo al Times.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi