Inchieste08/11/2021 13:03

Dieta universale, Lancet la mette sul piano economico: quella a base animale costa di più, fa male e mette a rischio il Pianeta. Lo studio

yes
image_pdfimage_print

Lancet, la nota rivista scientifica partner di Eat Foundation su cui si basa l'operato della business platform- WBCSD FReSH piattaforma di interessi e di affari di molteplici multinazionali del Food (le stesse che propongono il Nutriscore) che ha l'obiettivo di "trovare soluzioni aziendali per cambiare il sistema alimentare mondiale" e trasformare il Farm to Fork in Fork to Farm, pubblica un nuovo studio: The global and regional costs of healthy and sustainable dietary patterns: a modelling study.

Da Gates a Nestlè, ecco i nomi della business platform che si basa su studio Eat, per “imporre” sistema alimentare globale, promosso da Fondazione Barilla. Gruppo Barilla: ma non esistono diete universali

Stavolta il Focus è sul costo dell'alimentazione dei paesi a reddito medio alto per verificare se una dieta sana e sostenibile possa essere accessibile a tutti.

Secondo i ricercatori della Lancet la faccenda è semplice: "Il sistema alimentare attualmente è responsabile di circa un terzo di tutte le emissioni di gas serra". E al contempo "più di un quarto dei decessi a livello globale è stato attribuito a diete squilibrate". E riparte all'attacco alla carne: "in confronto, nei paesi ad alto e medio-alto reddito, la carne rappresentava la maggior parte dei costi (32-34%)", scrivono.

In pratica secondo i ricercatori su cui si basa l'operato della piattaforma di interessi che racchiude le multinazionali del Food e della carne sintetica (figura anche Bill and Melinda Gates) e del latte ai piselli (figura la Nestlé), l'alimentazione animale è più costosa, è meno sostenibile e fa male alla salute.

E dicono: quella vegetale sarebbe la soluzione.

"Abbiamo valutato i costi dei modelli alimentari che, nei modelli studi, sono stati valutati come più sani e più sostenibili rispetto alle diete attuali, ed erano in linea con i limiti ambientali del sistema alimentare", scrivono.

"In confronto - proseguono - i cereali e le fonti proteiche a base vegetale, come i legumi e le noci legumi e le noci, avevano costi più bassi delle verdure e della maggior parte dei prodotti animali".

E concludono: se le diete occidentali mutassero in diete sane e sostenibili farebbero bene alla Salute, al Pianeta e all'Economia.

Qui di seguito AGRICOLAE riporta il documento Lancet in PDF e a seguire alcuni stralci dello studio:

The global and regional costs of healthy and sustainable dietary patterns: a modelling study.pdf

L'adozione di diete sane e sostenibili potrebbe essere essenziale per salvaguardare le risorse naturali della Terra e ridurre la mortalità legata alla dieta, ma la loro adozione potrebbe essere ostacolata se tali diete si rivelassero più costose e inaccessibili per alcune popolazioni. Pertanto, abbiamo cercato di stimare i costi delle diete sane e sostenibili in tutto il mondo.
Metodi In questo studio di modellazione, abbiamo usato i prezzi degli alimenti comparabili a livello regionale dall'International Comparison Program per 150 paesi.

Abbiamo accoppiato questi prezzi con le stime della domanda di cibo per diversi modelli alimentari che, negli studi di modellazione, sono stati associati a riduzioni della mortalità prematura e della domanda di risorse ambientali, comprese le diete flexitarian, pescatarian, vegetariane e vegane nutrizionalmente equilibrate. Abbiamo usato le stime dei rifiuti alimentari e le proiezioni della domanda e dei prezzi del cibo per specificare il sistema alimentare e gli scenari di cambiamento socioeconomico fino al 2050. Nella contabilità completa dei costi, abbiamo stimato i costi sanitari legati alla dieta accoppiando una valutazione comparativa dei rischi della dieta con le stime del costo della malattia, e abbiamo stimato i costi del cambiamento climatico accoppiando gli scenari della dieta con le impronte delle emissioni di gas serra e le stime del costo sociale del carbonio.
Risultati Rispetto al costo delle diete attuali, i modelli dietetici sani e sostenibili erano, a seconda del modello, fino al 22-34% più bassi di costo nei paesi a reddito medio-alto in media (quando si considerano le medie statistiche), ma almeno il 18-29% più costosi nei paesi a reddito medio-basso. La riduzione degli sprechi alimentari, uno scenario di sviluppo socioeconomico favorevole e una contabilità dei costi più completa che includeva i costi legati alla dieta del cambiamento climatico e dell'assistenza sanitaria nel costo delle diete hanno aumentato l'accessibilità dei modelli alimentari nelle nostre proiezioni future. Quando queste misure sono state combinate, i modelli alimentari sani e sostenibili erano fino al 25-29% più bassi in termini di costo nei paesi a basso e medio-basso reddito, e fino al 37% più bassi in media, per l'anno 2050. Le varianti dei modelli dietetici vegetariani e vegani erano generalmente più convenienti, e le diete pescatariane erano meno convenienti.

Interpretazione

Nei paesi ad alto e medio-alto reddito, gli interventi di cambiamento della dieta che incentivano l'adozione di diete sane e sostenibili possono aiutare i consumatori di quei paesi a ridurre i costi e, allo stesso tempo, contribuire al rispetto degli impegni nazionali sul cambiamento climatico e ridurre la spesa sanitaria pubblica.

Nei paesi a basso e medio reddito, le diete sane e sostenibili sono sostanzialmente meno costose delle diete occidentali e possono anche essere competitive dal punto di vista dei costi nel medio-lungo termine, a condizione di un benefico sviluppo socioeconomico e della riduzione dei rifiuti alimentari. Una contabilità più completa dei costi delle diete renderebbe le diete sane e sostenibili l'opzione meno costosa nella maggior parte dei paesi in futuro.

Rispetto al costo delle diete attuali, i modelli alimentari sani e sostenibili erano, a seconda del modello, fino al 22-34% più basso in termini di costo nei paesi a reddito medio-alto in media (quando si considera mezzi statistici), ma almeno il 18-29% più costoso nei paesi a reddito medio-basso. Riduzioni nello spreco di cibo, uno scenario di sviluppo socioeconomico favorevole, e una contabilità dei costi più completa che includeva la dieta costi legati alla dieta del cambiamento climatico e dell'assistenza sanitaria nel costo delle diete ha aumentato l'accessibilità dei modelli alimentari in nostre proiezioni future. Quando queste misure sono state combinate, i modelli alimentari sani e sostenibili erano fino a 25-29% in meno di costo nei paesi a basso e medio reddito, e fino al 37% in meno di costo in media, per l'anno 2050. Le varianti di modelli alimentari vegetariani e vegani erano generalmente più convenienti, e le diete pescatariane erano meno accessibili.

 

Il sistema alimentare sta affrontando crescenti sfide ambientali e sanitarie. Attualmente, è responsabile di circa un terzo di tutte le emissioni di gas serra, e senza misure specifiche, il suo impatto ambientale rischia di superare i limiti ambientali chiave per il cambiamento climatico, l'uso del suolo, l'estrazione di acqua dolce e i flussi biogeochimici associati all'applicazione di fertilizzanti.

Allo stesso tempo, più di un quarto dei decessi a livello globale è stato attribuito a diete squilibrate, per lo più da dieta-correlata, malattie croniche che richiedono anche cure costose.
I cambiamenti dietetici verso diete nutrizionalmente equilibrate che prodotti animali e ad alto contenuto di alimenti vegetali importanti dal punto di vista importanti alimenti di origine vegetale, come frutta, verdura, legumi, noci e cereali integrali, legumi, noci e cereali integrali - sono stati proposti come una misura importante per ridurre le crescenti pressioni crescente pressione ambientale del sistema alimentare, migliorando allo stesso tempo lo stato nutrizionale e la salute alimentare.
Sebbene l'importanza e i benefici dei cambiamenti verso diete sane e sostenibili siano sempre più
riconosciuti, si sa molto meno sulle dimensioni dimensioni economiche di tali cambiamenti, compresi l'accessibilità accessibilità e i costi delle diete.

Un'analisi globale di un particolare modello di dieta sana e sostenibile ha rilevato che potrebbe essere inaccessibile per un gran numero di persone nei paesi a basso reddito, e una revisione sistematica basata su indagini di mercato e dietetiche ha rilevato che nei paesi ad alto reddito, i modelli alimentari più sani erano in media più costosi di quelli meno sani.

D'altra parte, gli studi di ottimizzazione hanno dimostrato che diete più sane e più sostenibili possono in linea di principio essere ottenute senza aumentare i costi nei paesi che sono stati analizzati. Tuttavia, i risultati di questi studi sono difficili da generalizzare, perché si sono concentrati su una specifica dieta globale, hanno valutato diete che non erano comparabili tra regioni, o erano limitati a paesi ad alto reddito, e hanno raccolto dati sui prezzi in modi diversi in ogni caso di studio. Inoltre, un focus sui prezzi di mercato attuali ha poca rilevanza per la politica in un in un contesto di sistemi alimentari, condizioni economiche e prezzi che cambiano,
e dei prezzi.

In questo studio, facciamo avanzare la letteratura in tre modi. In primo luogo, presentiamo stime comparabili a livello regionale stime dei costi della dieta per una serie standardizzata di modelli alimentari sani e sostenibili, tra cui flexitarian, pescatariani, vegetariani e vegani, per 150 paesi utilizzando i prezzi alimentari correnti. In secondo luogo, noi valutiamo le implicazioni del sistema alimentare e dei cambiamenti del sistema alimentare e socioeconomico sul costo delle diete, comprese le riduzioni dei rifiuti alimentari a livello familiare, e i cambiamenti futuri nei prezzi e della domanda di cibo. In terzo luogo, valutiamo e includiamo nella nostra analisi due componenti di costo che attualmente non sono contabilizzati nei costi delle diete o degli alimenti, i costi delle
malattie legate alla dieta e gli impatti della dieta sul cambiamento climatico. Attualmente, questi costi esterni sono imposti alla società in modi diversi dai prezzi degli alimenti, il che distorce i prezzi e può contribuire a decisioni di consumo che sono dannose per la salute pubblica e l'ambiente.

 

Secondo le nostre stime su 150 paesi, la media del costo medio delle diete nel 2017, incluso il cibo sprecato dalle famiglie, era di 5-7 dollari (95% CI 3-9-7-6) per persona al giorno, variando da 3-7 dollari (2-2-5-2) nei paesi a basso reddito a 7-5 dollari (5-3-9-7) nei paesi a reddito medio-alto.

Nei paesi a basso e medio-basso reddito, le colture di base hanno rappresentato la maggior parte dei costi (33-35% nelle due regioni), seguite da legumi e noci (11-27%), carne (11% in ogni regione),
verdure (9-14%), e frutta (9-12%). In confronto, nei paesi ad alto e medio-alto reddito, la carne rappresentava la maggior parte dei costi (32-34%), seguita dai prodotti di base (18% in entrambe le regioni), verdure (11-24%), e frutta (8-9%).

I modelli alimentari alternativi variavano dall'essere 1-14% più costoso (pescatariano ad alto contenuto di vegetali, ad alto contenuto di cereali pescatariano, flexitarian, e vegano ad alto contenuto di vegetali) al 6-11% meno costosi (vegetariano, vegetariano ad alto contenuto di cereali
e vegana) in media rispetto alle diete attuali, con grande variabilità tra le regioni di reddito. In paesi ad alto reddito e a reddito medio-alto, tutti i modelli dietetici, ad eccezione delle diete pescatariane ad alto contenuto di vegetali, erano meno costosi, con le maggiori riduzioni di costo per le diete vegetariane e vegane ad alto contenuto di cereali (riduzioni di costo del 22-34% nelle due regioni), seguita dalle diete vegetariane e vegetariane e vegane ad alto contenuto di vegetali (17-27%), le diete
(12-14%), e le diete pescatariane ad alto contenuto di cereali (1-3% in ogni regione). Nei paesi a reddito medio-basso e a basso reddito, tutti i modelli alimentari erano più costosi (18-45%) in un ordine simile.

Lo spreco di cibo a livello familiare rappresenta il 29% dei costi delle diete attuali in media, che vanno dal 17% in paesi a basso reddito al 35% nei paesi ad alto reddito. Dimezzare lo spreco di cibo, in linea con l'ambizione espressa negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile Goals, ha ridotto i costi delle diete attuali di 14% in media (8-17% nelle regioni di reddito). Combinando cambiamenti nella dieta verso i diversi modelli alimentari con riduzione degli sprechi alimentari ha ridotto i costi relativi di queste diete. Rispetto alle diete attuali, questa riduzione nello spreco alimentare per le diete alternative ha portato a un risparmio per tutti i modelli dietetici alternativi nei paesi ad alto reddito e paesi a reddito medio-alto (15-43% attraverso diete), e in media in tutte le regioni di reddito (3-20%), ma i modelli dietetici sono rimasti più costosi in paesi a reddito medio-basso e basso (9-31%). Con l'aumento del reddito, si prevede che le diete e i prezzi degli alimenti cambiare, specialmente nei paesi a reddito basso e medio-basso. Si prevede che la spesa per le colture di base diminuire dal 35% al 28% nei paesi a basso reddito, e dal 33% al 25% nei paesi a reddito medio-basso, in ogni caso con aumenti concomitanti della spesa per carne e verdura (appendice 1 p 37). Rispetto a queste diete presumibilmente più costose nel 2050, l'alta diete vegetariane e vegane ad alto contenuto di cereali avevano costi inferiori nei paesi a reddito medio-basso, e sono venuti entro un 6-8% di differenza nei paesi a basso reddito nel business- nelle proiezioni business-as-usual e sono diventati comparabili nei costi per un percorso di sviluppo socioeconomico più favorevole. Inoltre, dimezzare i rifiuti alimentari nel 2050 ha reso diversi modelli alimentari più convenienti rispetto al benchmark diete in ogni regione, in particolare quando combinato con sviluppo socioeconomico favorevole.

Contabilizzare i costi del cambiamento climatico e dei costi sanitari legati alla dieta ha aumentato i costi medi delle diete attuali del 12% e 4%, rispettivamente, e i costi medi delle diete 2050 del 42% e del 9%, rispettivamente. Il combinato aumenti sono stati maggiori nei paesi ad alto reddito e a reddito medio-alto reddito ($ 4-7-5-4 al giorno, 53-67% in 2050) che nei paesi a basso e medio-basso reddito (2-5-2-6 dollari al giorno, 42-48% nel 2050; appendice. I diversi modelli alimentari erano sia più sani e più bassi nelle emissioni di gas serra rispetto diete attuali (appendice 1 pp 38, 40), e l'asso aumento dei costi è stato inferiore (in media 6-9% rispetto al 17% in 2017, e 18-28% rispetto con il 51% nel 2050), con gli aumenti più bassi per l'alto veg e vegano ad alto contenuto di cereali. Sotto questo costo più completo contabilità, i modelli dietetici alternativi erano più bassi
nei costi rispetto alle diete attuali in media (9-19% in meno), tranne che per le diete pescatariane, e anche inferiori nei costi rispetto a 2050 diete, sia in media (12-34% inferiore) e in ogni regione di reddito, tranne che per le diete pescatari ad alto contenuto di vegetali in paesi a basso reddito. Combinando la contabilità a costi pieni con riduzioni dei rifiuti o con un maggiore sviluppo socioeconomico ha portato a ulteriori risparmi potenziali sui costi per tutti i modelli alimentari alternativi in tutte le regioni di reddito.

A livello di paese, il numero di paesi per i quali l'adozione dei diversi modelli dietetici ha ridotto il costo delle diete (dei 150 paesi inclusi) variava da 24 paesi (16%, con una popolazione di 2-6 miliardi di persone) per le diete pescatariane ad alto contenuto di vegetali a 81 paesi (54%, 3-8-3-9 miliardi di persone) per le diete vegane e vegetariane ad alto contenuto di cereali nel 2017. Questo numero è aumentato a 97-101 paesi (65-67%, 4-1 miliardi di persone) per le diete vegane e vegetariane ad alto contenuto di cereali dimezzato, fino a 116-118 paesi (77-78%, 6-6 miliardi di persone) quando combinato con un favorevole sviluppo socioeconomico e valutato nel 2030, e a
129 paesi (86%, 6-9 miliardi di persone) quando anche combinato con una contabilità dei costi più completa. Entro il 2050, la combinazione di queste misure ha portato a costi più bassi in
quasi tutti i paesi inclusi nell'analisi (fino a 144-145 paesi, 96-97%, 7-8 miliardi di persone).
Discussione

Abbiamo valutato i costi dei modelli alimentari che, nei modelli studi, sono stati valutati come più sani e più sostenibili rispetto alle diete attuali, ed erano in linea con i limiti ambientali del sistema alimentare.

La nostra analisi indica che molti di questi modelli dietetici sono meno costosi rispetto alle diete attuali nella maggior parte dei paesi ad alto reddito e in molti paesi a medio reddito, ma più alti in termini di costo nei paesi a basso reddito. Riduzione degli sprechi alimentari e futuri cambiamenti socioeconomici hanno aumentato la loro relativa accessibilità, soprattutto nel reddito medio e alcuni paesi a basso reddito, e una contabilità dei costi più completa che incluso i costi legati alla dieta del cambiamento climatico e assistenza sanitaria nel costo delle diete ha ulteriormente aumentato la l'accessibilità relativa alla maggior parte dei paesi, compresi quelli a basso
a basso reddito.

Per tutti i modelli alimentari, l'accessibilità relativa era maggiore per le diete vegetariane e vegane che si concentravano su legumi e cereali integrali al posto dei prodotti animali nella diete attuali, e più bassa per le diete pescatariane che incentrate su pesce, frutta e verdura. Il pesce come alimento
gruppo aveva uno dei prezzi più alti per caloria nei dati sui prezzi che abbiamo usato (appendice 1 p 35), che ha reso le diete pescatariane relativamente costose.

In confronto, i cereali e le fonti proteiche a base vegetale, come i legumi e le noci legumi e le noci, avevano costi più bassi delle verdure e della maggior parte dei prodotti animali, il che ha reso le diete vegetariane e vegane relativamente accessibili. Tuttavia, le colture di base avevano uno dei costi più bassi di tutti gli alimenti, il che ha reso qualsiasi deviazione dalle diete attuali nei paesi a basso reddito che sono dominati da colture di base (e di conseguenza mancano quantità raccomandate di molti alimenti che promuovono la salute alimenti) meno conveniente, se non integrato da riduzioni in rifiuti alimentari, cambiamenti socioeconomici, o un più completo
contabilità dei costi delle diete.
La nostra analisi avanza la letteratura attuale sui costi delle diete sane e sostenibili. Usando dati comparabili a livello regionale dati comparabili a livello regionale sui prezzi e sui consumi alimentari, e una serie di modelli alimentari sani e sostenibili stabiliti modelli alimentari sani e sostenibili, siamo stati in grado di espandere la portata degli studi di casi e valutare le differenze regionali in modo modo comparabile e coerente. Abbiamo anche integrato un'analisi coerente del costo dei diversi modelli alimentari con una valutazione di altri cambiamenti nel sistema alimentare, cambiamenti socioeconomici e una contabilità dei costi più completa,
che, per quanto ne sappiamo, non è stato fatto in precedenza.
Ma diversi avvertimenti si applicano pure. In primo luogo, il nostro costo stime possono essere considerate conservative, nonostante la nostra l'inclusione dei rifiuti alimentari domestici. I nostri dati sui prezzi erano rappresentativi dei prezzi dei supermercati e non tenevano conto dei ricarichi nei ristoranti, e i nostri dati sul consumo coprivano categorie alimentari di base che, mentre catturavano adeguatamente il consumo totale, non ci hanno permesso di tenere esplicitamente conto del consumo e prezzi dei prodotti alimentari altamente lavorati e delle bevande.
Tuttavia, il consumo di cibo fuori casa, spesso comportano aumenti di prezzo significativi rispetto ai loro ingredienti di base. Analizzando le implicazioni di costo dei cambiamenti nel consumo di alimenti ultra-lavorati, che in molti paesi costituiscono una componente importante delle diete, è
un'importante area di ricerca futura.

I nostri risultati mostrano che i modelli alimentari più sani e modelli alimentari più sani e sostenibili hanno generalmente costi inferiori delle diete occidentali (appendice 1 p 43), e possono essere costi competitivi in contesti a basso reddito nel lungo termine se una politica sensibile alla salute e all'ambiente e strategie di sviluppo che sono in atto.
Le misure di sostegno includono politiche alimentari e dei consumatori alimentari, incentivi agricoli e assistenza ufficiale, che tengono conto degli aspetti sanitari e ambientale del cambiamento della dieta. Cambiamenti dietetici delle diete occidentali in quelle sane e sostenibili avrebbe un impatto maggiore sui costi per le famiglie, i sistemi sanitari e sul pianeta.

image_pdfimage_print

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi