DL RILANCIO FATTO. CONTE, GUALTIERI, PATUANELLI, SPERANZA E BELLANOVA CHE, IN LACRIME: EMERSI GLI INVISIBILI. HA VINTO LO STATOUN MLD E 150MILIONI PER LA FILIERA DELLA VITA IN DIFFICOLTA, POI 250 MLN PER FONDO INDIGENTI E 250MLN PER ACCESSO AL CREDITO CON ISMEA

Parla di "un testo complesso di oltre 250 articoli che vale quanto due manovre di Bilancio" il premier Giuseppe Conte al termine del Consiglio dei ministri che ha visto l'ok al Dl Rilancio. "Abbiamo impiegato un po di tempo ma non un minuto di piu di quello necessario. Ora il testo passerà per le Camere dove potrà essere migliorato", spiega.

"La manovra per fronteggiare questa fase di emergenza contiene anche delle premesse perché questa fase di ripartenza riguardi anche la società e l'economia. Imprenditori nell'assoluta incertezza, le vostra grida di allarme non ci sono sfuggite ed è per questo che ci siamo impegnati al massimo per rafforzare il sostegno a coloro che hanno perso il lavoro.

Non ci sono sfuggiti i ritardi e abbiamo cercato di rimediare. Aiutiamo anche le famiglie che hanno figli che non vanno più a scuola".

"In totale abbiamo erogato misure per oltre 4 milioni di lavoratori", prosegue Conte. "I ritardi sono dovuti a procedura farraginosa concepita in un periodo di normalità" ma "confidiamo di recuperare il tempo perduto".

Poi il premier stila l'elenco degli interventi a favore delle imprese, degli autonomi e della famiglie. Dalle norme sugli affitti ai bonus asilo e al fondo per le non autosufficienze e assistenza a persone con disabilità".

Poi il bonus per la ristrutturazione 'green' delle case per le quali, precisa, "non si spenderà un soldo".

Poi ancora la stabilizzazione del corpo insegnanti, con 16mila nuove assunzioni e rafforzamento del sistema dell'istruzione della ricerca. Avremo 4mila nuovi ricercatori.

"Abbiamo un buono per le vacanze fino al massimo di 500 euro da spendere nelle strutture e sarà disponibile per le famiglie con reddito al di sotto dei 40mila euro. E i ristoranti e i bar potranno occupare suolo pubblico senza pagare grazie alla collaborazione dell'Anci", conclude Conte passando la parola al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.

"Gettiamo le basi per la ripartenza dell'economia e per rafforzare il sistema sanitario. Rifinanziando la cassa integrazione e snellendone le procedure e le misure di sostegno al reddito così che tutti i lavoratori possano essere sostenuti", spiega il ministro dell'Economia.

"Cerchiamo poi di aiutare le famiglie con i centri estivi perché siamo consapevoli delle difficoltà cui stanno facendo fronte a causa della chiusura delle scuole". Poi per le imprese: "un impegno senza precedenti per favorire la ricapitalizzazione e assorbire le perdite per le piccole medie e grandi imprese con misure innovative", prosegue.

Gualtieri parla poi di investimenti 'green' come l'ecobonus e la messa in sicurezza degli edifici.

"Questo provvedimento è un mosaico che tiene conto delle esigenze delle imprese", spiega poi il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli.

Parla di abrogazione della rata di saldo e di acconto dell'Irap "per la platea da zero a 250mila euro di fatturato che incide moltissimo nel terzo settore e che amplia di molto la parte di indennizzo di imposte per le piccole e medie imprese, il cuore pulsante della nostra economia. E poi l'abbassamento delle bollette per portarle in linea con quanto effettivamente si è consumato, non potevano permettere che le aziende che avevano chiuso pagassero una cifra fissa", prosegue Patuanelli.

Sostegno poi alle undicimila start up che rischiavano di chiudere prima di iniziare e alla ricerca applicata. "Credo che questo provvedimento sia quello che era davvero necessario fare per le imprese del nostro paese e ora ci dobbiamo concentrare con opere di sburocratizzazione del Paese".

"Il settore agroalimentare oltre ad accedere a tutte le misure orizzontali già richiamate ha una dotazione specifica dato che la filiera della vita che ha dato a tutti noi la possibilità di conservare degli spazi di noramlità è fondamentale per rilanciare qualità per ritornare a collocare nel mondo l'Italia", spiega poi il ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova.

"Abbiamo destinato un miliardo e 150 milioni di euro che saranno destinati a quei settori che hanno subito maggiori difficoltà come il florovivaismo e il vino. Finalizziamo queste risorse con ulteriori 250 milioni di euro gestiti da ISmea per facilitare l'accesso al credito. Poi ancora - continua Bellanova - ulteriori 250 milioni di euro da destinare al Fondo indigenti. Per tutti coloro che fino a poco fa facevano parte del ceto medio e ora sono a rischio povertà". prosgue ancora.

Un ultimo punto che voglio richiamare che non è accessorio - spiega il ministro in lacrime - è quello relativo all'articolo 110 bis. Da ora in poi gli invisibili non saranno ipù invisibili. E potranno accedere a un permesso di soggiorno per lavoro e noi li aiuteremo ad essere persone che riconquistano la loro vita. Voglio ringraziare il premier Conte e la ministra Lamorgese. Lo stato è stato più forte del Caporalato", conclude.

"Soddisfatto" dello sforzo fatto del governo per la sanità il ministro della Salute Roberto Speranza: "Abbiamo risorse molto molto molto importanti che saranno utilizzate per incrementare la rete sul territorio la cui importanza ci ha ricordato l'emergenza Covid". Il ministro spiega poi che si investirà molto sui servizi domiciliari, passando da 2 punti sotto la media Ocse a sopra la media".

Infine alla domanda sul numero 'esagerato' dei migranti coinvolto dalla regolarizzazione, Conte risponde: "si tratta non di numeri ma di sostanza".

 

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi