Inchieste29/10/2021 15:00

Ecco il nuovo Countdown di Lancet su futuro Pianeta secondo cui si deve mangiare vegetali: carne inquina e mette a rischio resa colture. E chi la mangia muore prima. Il documento

yes
image_pdfimage_print

"Le emissioni agricole legate all'alimentazione continuano ad aumentare, così come le morti attribuibili a fattori di rischio alimentare". E poi: "sono necessari cambiamenti nella dieta (ad esempio, riducendo notevolmente la carne rossa e aumentando il consumo di alimenti a base vegetale), [come il latte di piselli ndr], dato che "il tasso di mortalità legato alla carne rossa è quasi nove volte maggiore nel gruppo di paesi con Isu molto alto". Perché in sostanza, secondo Lancet, chi mangia carne muore prima. Ma non solo: la carne inquina il pianeta e "mette a rischio le altre colture che perdono le rese a causa dell'aumento delle temperature". Quindi occorre puntare sull'alimentazione vegetale.

E poi: "i sistemi alimentari, compresa la produzione agricola, causano il 21-37% di tutte le emissioni di gas serra e hanno anche un alto potenziale di sequestro del carbonio". E le "emissioni dalla produzione e dal consumo di prodotti agricoli sono causate per lo più dall'elevata quantità di consumo di carne rossa".

E' questo quanto emerge dal nuovo Report Lancet pubblicato il 20 ottobre su come il mondo dovrebbe essere nell'epoca Post Covid, a un passo dall'esaurimento delle scorte di petrolio annuciato da Hubbert nel 1956.

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica il PDF del Lancet:

LANCET

Si tratta del 'pilastro' attualizzato al codice rosso odierno sul futuro della salute umana. Tema sul quale si basano possibili soluzioni anche in merito alla produzione agroalimentare.

Una vera 'montagna' sulla storia dell'umanità - quella rappresentata dal Report - che giustificherebbe - secondo chi lo ha scritto - qualunque azione tesa ad invertire la rotta, anche la libertà di scelta in tema di alimentazione.

Lo studio mette in evidenza un vero conto alla rovescia sulla salute e sui cambiamenti climatici valutando le singole componenti. La filosofia sottesa che sembra muovere i ricercatori redattori dello studio sembra essere la necessità di agire drasticamente su tutte le componenti e il risultato delineato è il medesimo proposto già in altre pubblicazioni Lancet.

"Lancet Countdown è una collaborazione internazionale che monitora in modo indipendente" - si legge nel report della Review che collabora ed è partner indiretto, tramite Eat Foundation, della piattaforma di interessi delle grandi multinazionali del Food e non solo - le conseguenze sulla salute di un clima che cambia. Pubblicando ogni anno indicatori aggiornati, nuovi e migliorati, il Lancet Countdown rappresenta il consenso dei principali ricercatori di 43 istituzioni accademiche e agenzie delle Nazioni Unite" ( anche queste istituzioni facenti parte della Piattaforma di interessi, Business Platform, la WBCSD ).

"I 44 indicatori di questo rapporto espongono un aumento senza sosta degli impatti sulla salute del cambiamento climatico e le attuali conseguenze sulla salute della risposta ritardata e incoerente dei paesi di tutto il mondo, fornendo un chiaro imperativo per un'azione accelerata che metta la salute delle persone e del pianeta al di sopra di tutto", si legge ancora nello studio.

Il rapporto 2021 coincide con la 26esima Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), durante la quale i paesi sono sotto pressione per realizzare l'ambizioso obiettivo stabilito nel corso dell'Accordo di Parigi di mantenere l'aumento della temperatura media globale a 1-5°C e per mobilitare le risorse finanziarie necessarie a tutti i paesi per avere una risposta efficace sul clima. Questi negoziati si svolgono nel contesto della pandemia COVID-19 - una crisi sanitaria globale che ha causato milioni di vite, colpito i mezzi di sostentamento e le comunità di tutto il mondo, ed esposto profonde crepe e disuguaglianze nella capacità del mondo di affrontare e rispondere alle emergenze sanitarie. Eppure, nella sua risposta a entrambe le crisi, il mondo si trova di fronte a un'opportunità senza precedenti per garantire un futuro sano per tutti".

Disuguaglianze sempre più profonde in un mondo che si riscalda


"Le temperature record del 2020 hanno portato a un nuovo massimo di esposizione alle ondate di calore tra le persone di età superiore ai 65 anni e 626 milioni di giorni-persona in più per i bambini di età inferiore a 1 anno, rispetto alla media annuale del periodo di riferimento 1986-2005 (indicatore 1.1.2). Guardando al 2021,
le persone con più di 65 anni o più giovani di 1 anno, insieme alle persone con svantaggi sociali, sono state le più colpite dalle temperature da record di oltre 40°C nelle aree del Pacifico nord-occidentale di USA e Canada nel giugno 2021 - un evento che sarebbe stato quasi impossibile senza il cambiamento climatico causato dall'uomo.

Anche se il numero esatto non sarà noto per diversi mesi, centinaia di persone sono morte prematuramente a causa del caldo. Inoltre, le popolazioni dei paesi con livelli bassi e medi dell'indice di sviluppo umano (HDI) definito dall'ONU hanno avuto il maggiore aumento della vulnerabilità al calore negli ultimi 30 anni, con rischi per la loro salute ulteriormente aggravati dalla scarsa disponibilità di meccanismi di raffreddamento e di spazi verdi urbani.

I lavoratori agricoli dei paesi con basso e medio Isu sono stati tra i più colpiti dall'esposizione a temperature estreme, sopportando quasi la metà dei 295 miliardi di ore di lavoro potenziali perse a causa del caldo nel 2020 (indicatore 1.1.4). Queste ore di lavoro perse potrebbero avere conseguenze economiche devastanti per questi lavoratori già vulnerabili - i dati del rapporto di quest'anno mostrano che i guadagni potenziali medi persi nei paesi del gruppo a basso Isu erano equivalenti al 4-8% del prodotto interno lordo nazionale (indicatore 4.1.3).


Attraverso questi effetti, l'aumento delle temperature medie e l'alterazione dei modelli di precipitazioni, il cambiamento climatico sta cominciando a invertire anni di progressi nell'affrontare l'insicurezza alimentare e idrica che ancora colpisce le popolazioni più svantaggiate di tutto il mondo, negando loro un aspetto essenziale della buona salute.
Durante un qualsiasi mese del 2020, fino al 19% della superficie terrestre globale è stata colpita da siccità estrema; un valore che non aveva superato il 13% tra il 1950 e il 1999 (indicatore 1.2.2). Parallelamente alla siccità, le temperature calde stanno influenzando il potenziale di rendimento delle principali colture di base del mondo - una riduzione del 6-0% per il mais; 3-0% per il grano invernale; 5-4% per la soia; e 1-8% per il riso nel 2020, rispetto al 1981-2010 (indicatore 1.4.1) - esponendo il rischio crescente di insicurezza alimentare".

Oltre a questi pericoli per la salute, le condizioni ambientali che stanno cambiando stanno anche aumentando l'idoneità alla trasmissione di molti agenti patogeni trasmessi dall'acqua, dall'aria, dal cibo e dai vettori. Anche se lo sviluppo socioeconomico, gli interventi di salute pubblica e i progressi della medicina hanno ridotto il peso globale della trasmissione delle malattie infettive, il cambiamento climatico potrebbe minare gli sforzi di eradicazione.
Il numero di mesi con condizioni ambientali adatte alla trasmissione della malaria (Plasmodium falciparum) è aumentato del 39% dal 1950-59 al 2010-19 nelle aree densamente popolate degli altipiani del gruppo a basso Isu, minacciando le popolazioni altamente svantaggiate che erano relativamente più al sicuro da questa malattia rispetto a quelle delle aree di pianura (indicatore 1.3.1).

Attraverso molteplici rischi sanitari simultanei e interagenti, il cambiamento climatico minaccia di invertire anni di progresso nella salute pubblica e nello sviluppo sostenibile.

L'insicurezza alimentare è in aumento e ha colpito 2 miliardi di persone nel 2019.

Il cambiamento climatico minaccia di esacerbare questa crisi, che colpirà in modo sproporzionato le persone che sono le più vulnerabili e quelle che già affrontano denutrizione. A causa dei ruoli di genere socialmente definiti e di un minore empowerment rispetto agli uomini, l'insicurezza alimentare colpisce in modo sproporzionato le donne rurali, rafforzando la loro posizione di svantaggio attraverso una riduzione del tasso di istruzione, di reddito e di status socioeconomico.
Questo indicatore traccia il cambiamento nel potenziale di rendimento delle colture risultante dall'aumento delle temperature con gli stessi metodi metodi utilizzati per il rapporto 2020,53 in cui la resa potenziale delle colture è la resa che potrebbe essere ottenuta senza limitazioni di acqua o nutrienti o eventi estremi.

L'aumento delle temperature accorcia il tempo impiegato dalle colture per raggiungere la maturità (cioè, riduzione della durata della crescita delle colture), portando così a una riduzione del potenziale di rendimento dei semi.
Pertanto, una riduzione della durata della crescita delle colture può essere considerata un indicatore di future riduzioni della resa delle colture a causa delle temperature più alte della stagione di crescita (e quindi una stagione di crescita più breve), in assenza di adattamento. Il potenziale di rendimento delle colture continua a seguire una costante tendenza al ribasso, aggiungendo ulteriore pressione ai sistemi alimentari già messi a dura prova in tutto il mondo.

Riduzioni nel tempo di maturazione sono osservate in tutte le colture di base raccolti tracciati, pari a una riduzione del 6-0% per il mais, 3-0% per il grano invernale, 5-4% per la soia, e 1-8% per
riso rispetto alla resa media potenziale delle colture nel 1981-2010 (figura 9)

I dati della Food Insecurity Experience Scale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) (anche questa all'interno della (WBCSD) utilizzato per valutare le esperienze auto-riferite di grave insicurezza alimentare (definita come una situazione in cui un individuo non ha mangiato per almeno un giorno a causa della scarsità di risorse negli ultimi 12 mesi) in 83 paesi.

Una regressione a effetti fissi e variabile nel tempo ha mostrato che ogni 1°C di aumento della temperatura era associato a un rischio di riduzione del potenziale di rendimento delle colture marine, e sono anche i più vulnerabili agli associati impatti socioeconomici associati.

Questo indicatore espande la sua portata geografica per il 2021, tracciando la temperatura della superficie del mare nelle acque territoriali di 136 paesi per riflettere le mutevoli minacce del cambiamento climatico sulla produttività marina e, di conseguenza, sulla sicurezza alimentare marina. L'indicatore è completato dai cambiamenti riportati nella cattura marina basata sul consumo di pesce pro capite consumo di pesce, utilizzando i dati raccolti dalla FAO.

La temperatura media della superficie del mare è aumentata nelle acque territoriali di 95 (70%) dei 136 paesi studiati nel 2018-20 rispetto al 2003-05, mettendo in pericolo la produttività alimentare marina. Il consumo di pesce catturato in mare di cattura si è anche ridotto dal 1988, insieme
con un aumento del consumo di prodotti ittici di allevamento prodotti ittici d'allevamento di minore qualità nutrizionale e contenuto di omega 3.118 Queste tendenze evidenziano le minacce che il cambiamento climatico pone alla sicurezza alimentare marina in tutto il mondo.

Sezione 3: azioni di mitigazione e co-benefici per la salute
Continuando una tendenza ininterrotta all'aumento, le concentrazioni atmosferiche globali di CO2 hanno superato le 415 ppm nel gennaio 2021 e, per la prima volta, ci si aspetta che le concentrazioni di CO2 per gran parte del 2020 siano superiori del 50% alla media del 1750-1800. Le emissioni totali di gas serra nel 2019 sono state di 59-1 GtCO2e (SD 5-9), che include i gas serra generati dai cambiamenti di uso del suolo. Per limitare il riscaldamento a 1-5°C, le emissioni globali annuali devono essere ridotte a 25 GtCO2e entro il 2030.


COVID-19 e i blocchi associati in tutto il mondo hanno avuto profondi impatti sull'economia globale, soprattutto nei settori del trasporto di superficie e aereo e dell'industria. Le emissioni dei paesi ad altissimo HDI, che rappresentano il 48% del totale globale, erano inferiori di circa il 10% rispetto ai livelli del 2019. Tuttavia, senza un intervento mirato, le emissioni rimbalzeranno man mano che il mondo si riprende dalla pandemia. Infatti, si prevede che il calo del 5-8% delle emissioni di CO2 legate all'energia visto nel 2020 sarà accompagnato da un aumento senza precedenti del 4-8% nel 2021.

La necessità di indirizzare la ripresa economica verso un percorso di riduzione delle emissioni è stata ben pubblicizzata, ma deve ancora essere ben integrata nei piani di ripresa (vedi pannello 4).

Ciononostante, la ripresa della COVID-19 presenta la sfida e la simultanea opportunità di incoraggiare azioni che producano benefici per la salute.
Seguendo questa sfida globale, la sezione 3 copre le relazioni tra le azioni di mitigazione del cambiamento climatico e la salute. Questa sezione fornisce una panoramica del sistema energetico globale (indicatore 3.1) insieme all'esposizione globale associata all'inquinamento atmosferico PM2-5 e ai suoi impatti sulla salute (indicatore 3.3). Viene anche riportato l'uso dell'energia in casa, con nuovi dettagli sui combustibili usati e le stime delle concentrazioni di inquinamento dell'aria interna (indicatore 3.2). Vengono poi esaminati i singoli settori, in particolare i trasporti (indicatore 3.4), l'alimentazione e l'agricoltura (indicatori 3.5.1 e 3.5.2), e il settore sanitario globale (indicatore 3.6).

Dove possibile, vengono esplorati i modi in cui le relazioni tra salute e mitigazione del cambiamento climatico influenzano, e sono influenzate, dalle disuguaglianze sociali.


Indicatore 3.1: sistema energetico e salute


Risultato principale: dal 2014 al 2018, nonostante la forte crescita delle energie rinnovabili nei paesi con un HDI molto alto, l'intensità di carbonio del sistema energetico globale ha visto un calo medio annuo di appena lo 0-6%, un tasso incompatibile con il rispetto delle ambizioni dell'Accordo di Parigi.

La combustione dei combustibili fossili nel sistema energetico è la maggiore fonte singola di emissioni di gas serra, con una quota globale del 65%. 172 Il rapido passaggio dal carbone all'uso di energie rinnovabili è cruciale, non solo per contrastare queste emissioni, ma anche per prevenire i decessi dovuti all'inquinamento dell'aria ambiente (indicatore 3.3) ed eliminare altri inquinanti nocivi legati all'estrazione e alla combustione del carbone.

Con i dati dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE), questo indicatore traccia tre componenti: l'intensità di carbonio del sistema energetico globale, l'eliminazione graduale del carbone e l'elettricità a zero emissioni.

L'intensità di carbonio del sistema energetico globale è scesa leggermente per il quinto anno consecutivo a 56-0 tCO2e/TJ (escluse le emissioni dell'uso del suolo) nel 2018. Tuttavia, il progresso rimane molto lento, con un tasso di declino annuale di appena lo 0-6% dal 2014 al 2018. A questo ritmo, ci vorrebbero più di 150 anni per decarbonizzare completamente il sistema energetico (lontano dalla scadenza del 2040 richiesta per mantenere l'aumento della temperatura a 1-5°C).183 I progressi sono stati fatti nel gruppo di paesi ad altissimo Isu dal 1970 e l'intensità di carbonio nel gruppo di paesi ad alto Isu potrebbe essere ad un possibile picco. Tuttavia, spinti dalla necessità di svilupparsi, i gruppi di paesi a basso e medio Isu hanno avuto una crescita sostenuta delle emissioni per unità di energia dal 1970.


La Cina continua a dominare il consumo globale di carbone, rappresentando il 18-1% della popolazione mondiale e rappresentando il 53% dell'uso globale di carbone nel 2019. Mentre l'uso globale del carbone per tutte le attività è sceso dell'1-2% nel 2019, compreso un calo del 13-4% negli Stati Uniti e del 21% in Europa, l'uso della Cina è cresciuto dell'1-1%.
Tra il 2013 e il 2018, la produzione di elettricità da energia rinnovabile eolica e solare è aumentata di una media annua del 17%, con la sua quota globale di produzione di elettricità che ha raggiunto il 7-2% nel 2018. Mentre la domanda totale di energia per carbone, gas, petrolio e nucleare è diminuita nel 2020, la produzione di elettricità da fonti rinnovabili è cresciuta di poco (0-9%).

Si prevede che la domanda globale di carbone aumenterà del 4-5% nel 2021, l'80% del quale è dovuto al rapido aumento della produzione di elettricità da carbone, mentre la domanda di energia rinnovabile è destinata ad aumentare di oltre l'8%.23 Un riorientamento degli sforzi verso la decarbonizzazione del sistema energetico (vedi pannello 4) potrebbe mettere il mondo sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di 1-5°C di temperatura e prevenire le morti associate al cambiamento climatico e all'inquinamento atmosferico.

Indicatore3.2:energia pulita per le famiglie


Risultato principale: nel 2019, solo il 5% delle famiglie rurali nei paesi del gruppo di paesi a basso Isu faceva affidamento principalmente su combustibili e tecnologie pulite per cucinare (rispetto al 2% appena nel 2000), mettendoli a rischio di morbilità e mortalità a causa dell'esposizione all'inquinamento atmosferico domestico
Circa il 10% della popolazione mondiale, tre quarti della quale vive nell'Africa subsahariana, non ha accesso all'elettricità per la fornitura di alcun servizio e 2-6 miliardi di persone non hanno accesso a combustibili puliti per cucinare.


La consapevolezza degli impatti sulla salute dell'inquinamento atmosferico è aumentata negli ultimi anni. I cambiamenti legislativi includono la proposta di revisione delle direttive UE sulla qualità dell'aria ambiente202 e una sentenza storica sulla morte di Ella Adoo-Kissi-Debrah di nove anni nel 2020 nel Regno Unito, che si pensa sia la prima volta che l'inquinamento atmosferico è stato elencato come causa di morte in un certificato di morte.203 Questo indicatore stima l'esposizione al PM2-5 ambientale e i conseguenti decessi attribuibili a diversi settori economici. Per il rapporto del 2021, i metodi sono stati aggiornati per utilizzare le funzioni integrate esposizione-risposta (meta-regressione-bayesiana regolarizzata trimmata) utilizzate dal Global Burden of Disease Study 2019.

Le concentrazioni ambientali di PM2-5 differiscono fortemente tra le regioni del mondo e tra le aree urbane e rurali. Come risultato di una maggiore attività industriale rispetto ad altri gruppi di Isu, di controlli delle emissioni più scarsi e del continuo uso di combustibili solidi nel settore domestico, i paesi dei gruppi di Isu medio e alto hanno i tassi più alti di mortalità legata all'inquinamento atmosferico (60 morti per 100.000 abitanti nel gruppo di paesi a Isu medio e 65 morti per 100.000 abitanti nel gruppo di paesi a Isu alto; figura 13). I decessi sono più bassi nel gruppo di paesi a basso Isu (34 morti per 100.000 abitanti) e nel gruppo di paesi a Isu molto alto (40 morti per 100.000 abitanti). Questi risultati sono dovuti a una minore attività industriale e a popolazioni più giovani nei paesi con un basso Isu e a una generazione di elettricità più pulita, alla produzione industriale e al controllo delle emissioni di fine ciclo nei paesi con un Isu molto alto.

Indicatore 3.4: trasporto stradale sostenibile e sano
Risultato principale: l'uso dell'elettricità nei trasporti è aumentato del 15% dal 2017 al 2018 e la flotta globale di veicoli elettrici ha superato 7-2 milioni di auto nel 2019; tuttavia, anche le emissioni del trasporto su strada hanno continuato ad aumentare


Con il trasporto su strada responsabile di quasi il 18% delle emissioni globali di CO2 nel 2019, il passaggio ai veicoli elettrici è un'importante misura di mitigazione.205 Oltre a questo passaggio, la promozione degli spostamenti a piedi e in bicicletta (cioè i viaggi attivi) potrebbe ridurre le emissioni e fornire enormi dividendi per la salute attraverso l'aumento dell'attività fisica.

Indicatore 3.5: cibo, agricoltura e salute


Indicatore 3.5.1: emissioni dalla produzione e dal consumo di prodotti agricoli - risultato principale: causate per lo più dall'elevata quantità di consumo di carne rossa, le emissioni pro capite derivanti dal consumo di cibo sono notevolmente maggiori nel gruppo di paesi con Isu molto alto rispetto agli altri gruppi di paesi con Isu e sono 41% più alte che nel gruppo a basso Isu nel 2018


I sistemi alimentari, compresa la produzione agricola, causano il 21-37% di tutte le emissioni di gas serra e hanno anche un alto potenziale di sequestro del carbonio.

Queste emissioni rendono i sistemi alimentari fondamentali per limitare il riscaldamento globale a 1-5°C. Questo indicatore tiene traccia delle emissioni derivanti dalla produzione agricola e dal consumo di prodotti alimentari, combinando modelli e dati FAO.
Nonostante i moderati miglioramenti nell'efficienza, le emissioni totali della produzione agricola hanno continuato a crescere, raggiungendo 5-6 GtCO2e nel 2018 (1-5% in più rispetto al 2017). Di questo totale, i prodotti bovini (principalmente carne e latte) hanno contribuito al 52% delle emissioni globali della produzione agricola.

I dati rivelano nette differenze nelle emissioni agricole basate sul consumo pro-capite tra i paesi in diversi gruppi HDI. Le emissioni pro capite nel gruppo di paesi con Isu molto alto sono del 39% più alte di quelle del gruppo con Isu alto e del 41% più alte di quelle del gruppo con Isu basso. Queste differenze nelle emissioni sono nonostante l'alta intensità di emissioni dell'allevamento di manzo nel gruppo a basso Isu (circa tre volte più alto che nel gruppo a Isu molto alto), che è mitigato da un consumo pro-capite di manzo molto più basso.

Il 68% delle emissioni agricole totali basate sul consumo nel gruppo di paesi con Isu molto alto è attribuibile ai prodotti bovini, principalmente alla produzione di carne di manzo, che è leggermente in calo rispetto al 71% delle emissioni agricole totali basate sul consumo nel 2000.


Il progresso verso la fame zero (SDG 2) sarà probabilmente associato all'aumento delle emissioni agricole basate sul consumo nei paesi con ISU basso e medio.
Per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, il consumo di carne rossa dovrebbe essere tranquillamente ridotto nei gruppi di popolazione interessati, specialmente nei paesi con Isu molto alto.220 Questa riduzione fornirebbe anche sostanziali co-benefici per la salute, come mostra l'indicatore 3.5.2. Un ulteriore margine per ridurre le emissioni del sistema di produzione alimentare proviene dalla riduzione dei rifiuti, dalla limitazione della deforestazione e dal miglioramento della resa.

Con gli attuali interventi di efficienza produttiva che non riescono a frenare o ridurre le emissioni di gas serra in agricoltura, sono necessari cambiamenti nella dieta (ad esempio, riducendo notevolmente la carne rossa e aumentando il consumo di alimenti a base vegetale), in particolare nei paesi con Isu molto alto e alto.206 Per i paesi con Isu basso e medio, l'agricoltura e le pratiche agricole sostenibili aiuteranno a mantenere basse le emissioni agricole mentre si compiono sforzi per soddisfare le esigenze nutrizionali delle popolazioni.

Per monitorare questa transizione alimentare, questo indicatore modella le morti attribuibili a fattori di rischio alimentare con dati aggiornati sul consumo alimentare e sui tassi di mortalità per sesso, età e paese.

Nel 2018, 9-6 milioni di morti erano attribuibili a diete squilibrate (sia la composizione della dieta che l'apporto calorico). Sebbene i rischi legati alla dieta e i tassi di mortalità di base siano diminuiti nel 2018, c'è stato un aumento complessivo della mortalità legata alla dieta rispetto al 2017.

Le diete nei gruppi di paesi ad alto e altissimo Isu contengono da quattro a sette volte più carne rispetto alle diete dei gruppi a basso e medio Isu. Insieme ai maggiori tassi di mortalità legati alle malattie non trasmissibili, la differenza nelle diete si traduce in un tasso di mortalità legato alla carne rossa quasi nove volte maggiore nel gruppo di paesi con Isu molto alto (19 morti per 100.000 persone) rispetto al gruppo con Isu basso (2 morti per 100.000 persone).

Le diete, e i relativi impatti sulla salute, differiscono tra i sessi. In generale, le diete degli uomini tendono ad essere meno salutari di quelle delle donne, contenendo il 6% in meno di frutta, l'1% in meno di verdura, il 10% in meno di legumi e il 4% in più di carne rossa.

Le differenze nella dieta hanno portato a una stima di 455000 (10%) uomini in più che muoiono per malattie prevenibili, legate alla dieta, rispetto alle donne - un modello che si riflette in ogni raggruppamento di paesi dell'Isu (figura 14).

Conclusione
Prima della pandemia, il rapido tasso di crescita della produzione di elettricità da fonti rinnovabili era insufficiente a contrastare il lento declino dell'uso del carbone. Il risultato è stato che l'intensità di carbonio del sistema energetico globale è rimasta praticamente invariata. Allo stesso tempo, ci sono stati pochissimi progressi nell'aumentare l'uso di energia domestica pulita. Questi ritardi stanno costando milioni di vite ogni anno a causa dell'inquinamento domestico e dell'aria ambiente.
Le emissioni agricole legate all'alimentazione continuano ad aumentare, così come le morti attribuibili a fattori di rischio alimentare.
In questa sezione, si possono evidenziare molte disuguaglianze. I paesi a basso Isu hanno il più alto uso di combustibili sporchi in casa, mettendo le persone nei paesi a basso Isu a maggior rischio di morbilità e mortalità da esposizione all'inquinamento atmosferico domestico. Come risultato di una maggiore attività industriale e di controlli inadeguati delle emissioni, i paesi a medio e alto Isu hanno la più alta intensità di carbonio dell'energia e la maggiore quantità di decessi dovuti all'inquinamento dell'aria ambiente.

Le persone nei paesi ad altissimo Isu hanno le diete a più alta intensità di carbonio e, con un alto consumo di carne rossa, sono anche quelli che hanno più da guadagnare da un cambiamento verso una dieta più basata sulle piante.
Anche se gli effetti della pandemia COVID-19 non sono ancora del tutto noti, c'è stato un calo temporaneo, ma sostanziale, delle emissioni dovuto alle chiusure e alle riduzioni associate delle attività economiche e dei viaggi internazionali. Tuttavia, le emissioni stanno già rimbalzando. La sfida per il futuro sarà quella di adottare misure che forniscano un sollievo economico a breve termine, costruendo al contempo una riduzione delle emissioni a lungo termine e proteggendo la salute futura.

 

 

Conclusione: il rapporto 2021 del Lancet Countdown
Il rapporto 2021 del Lancet Countdown trova un mondo travolto da una crisi sanitaria globale in corso, che ha fatto pochi progressi per proteggere la sua popolazione da gli impatti sulla salute simultaneamente aggravati dal cambiamento climatico. Le disuguaglianze di questi impatti e
risposta, comprese quelle di genere, sono messe a fuoco all'interno di ciascuno degli indicatori
presentati. Questo espone l'urgente necessità di raccolta di dati standardizzati per catturare le disuguaglianze e vulnerabilità (pannello 2).
Le malattie infettive sensibili al clima sono di crescente preoccupazione a livello globale e l'idoneità ambientale per la trasmissione di tutte le malattie infettive sta aumentando
(indicatore 1.3.1). Per i batteri non-cholerae Vibrio, la idoneità ambientale per la trasmissione a latitudini settentrionali è aumentata del 56% dagli anni '80. Il numero di mesi adatti alla trasmissione della malaria è aumentato del 39% nelle zone di montagna del gruppo di paesi a basso Isu e, durante gli ultimi 5 anni, l'idoneità idoneità ambientale per la trasmissione di
arbovirus emergenti (ad esempio, dengue, chikungunya e Zika) era tra il 7% e il 13% più alta di quanto fosse negli anni '50.

Le alte temperature del 2020, un anno che ha pareggiato 2016 come l'anno più caldo mai registrato, ha portato a impatti sulla salute legati al caldo estremo, colpendo il benessere emotivo e fisico delle popolazioni in tutto il mondo (indicatori 1.1.1-1.1.6). Queste temperature più alte temperature più alte e modelli meteorologici alterati stanno anche portando a eventi meteorologici estremi più frequenti e una maggiore esposizione agli incendi (indicatori 1.2.1, 1.2.2 e 1.2.3) e stanno mettendo a rischio anni di progressi sulla sicurezza alimentare e idrica a rischio in molte parti del mondo. I 5 anni con la maggiore area della superficie mondiale superficie mondiale colpita dalla siccità si sono verificati tutti tra il 2015 e il 2020 (indicatore 1.2.2), il potenziale di rendimento di tutte le
principali colture di base continua a diminuire a causa delle dell'aumento delle temperature (indicatore 1.4.1), e il 79% di tutte le ore di lavoro potenziali perse a causa del caldo estremo nei paesi a basso Isu si è verificato nel settore agricolo nel 2020 (indicatore 1.1.4).
Tuttavia, le misure per ridurre le emissioni sono state grossolanamente inadeguate. Le emissioni stanno diminuendo troppo lentamente o nella direzione sbagliata nei settori a più alta emissione (indicatori 3.1, 3.4 e 3.5.1). Questo ritardo nel progresso sta contribuendo a milioni di morti ogni anno a causa dell'esposizione all'inquinamento indoor e ambientale da PM2-5 e a causa di diete malsane ad alto contenuto di carbonio (indicatori 3.2, 3.3 e 3.5.2). È importante notare che questi effetti si manifestano in modo diverso tra i gruppi di paesi HDI e i generi, sottolineando profonde disuguaglianze.

Nonostante anni di rapporti scientifici sugli impatti del cambiamento climatico, gli sforzi per costruire la resilienza sono stati lenti e diseguali, con i paesi con bassi livelli di HDI sono i meno preparati a rispondere al mutevole profilo sanitario del cambiamento climatico e i finanziamenti
rimanendo una sfida costante (indicatori 2.1.1, 2.3.1, e 2.4). Allo stesso tempo, 65 degli 84 paesi esaminati continuano a fornire sussidi per i combustibili fossili che superano le entrate ricevute dagli strumenti di carbon strumenti di determinazione del prezzo del carbonio. I sussidi netti al carbonio che ne risultano sono, in molti casi, equivalenti a sostanziali proporzioni dei bilanci sanitari nazionali dei paesi (indicatore 4.2.4).
I governi con la capacità fiscale hanno risposto alla pandemia COVID-19 con pacchetti di spesa massicci pacchetti di spesa, per attutire l'impatto della crisi e iniziare a avviare la ripresa economica. Ma mentre il mondo si avvicina alla COP26, la risposta al cambiamento climatico, e
investimenti commisurati, rimane inadeguata. Il sito opportunità per la ripresa verde è in pericolo di essere persa. Una ripresa guidata dai combustibili fossili, anche se potenzialmente
soddisfare obiettivi economici stretti e a breve termine, potrebbe spingere il mondo irrevocabilmente fuori rotta per le ambizioni dell'accordo di Parigi, con enormi costi per la salute
salute umana.
"Con i leader di governo più impegnati con le dimensioni sanitarie del cambiamento climatico come mai prima d'ora (indicatore 5.4), i paesi di tutto il mondo dovrebbero perseguire percorsi di ripresa economica a basse emissioni di carbonio, implementando politiche che riducano le disuguaglianze e migliorino la salute umana. Gli indicatori del Lancet Countdown mostrano le prove a sostegno dell'urgenza e dell'opportunità di questa transizione, e che nessuna persona è al sicuro finché tutti non sono sicuri" scrivono Marina Romanello, Alice McGushin, Claudia Di Napoli, Paul Drummond, Nick Hughes, Louis Jamart, Harry Kennard, Pete Lampard,
Baltazar Solano Rodriguez, Nigel Arnell, Sonja Ayeb-Karlsson, Kristine Belesova, Wenjia Cai, Diarmid Campbell-Lendrum, Stuart Capstick,
Jonathan Chambers, Lingzhi Chu, Luisa Ciampi, Carole Dalin, Niheer Dasandi, Shouro Dasgupta, Michael Davies, Paula Dominguez-Salas,
Robert Dubrow, Kristie L Ebi, Matthew Eckelman, Paul Ekins, Luis E Escobar, Lucien Georgeson, Delia Grace, Hilary Graham, Samuel H Gunther,
Stella Hartinger, Kehan He, Clare Heaviside, Jeremy Hess, Shih-Che Hsu, Slava Jankin, Marcia P Jimenez, Ilan Kelman, Gregor Kiesewetter,
Patrick L Kinney, Tord Kjellstrom, Dominic Kniveton, Jason K W Lee, Bruno Lemke, Yang Liu, Zhao Liu, Melissa Lott, Rachel Lowe,
Jaime Martinez-Urtaza, Mark Maslin, Lucy McAllister, Celia McMichael, Zhifu Mi, James Milner, Kelton Minor, Nahid Mohajeri,
Maziar Moradi-Lakeh, Karyn Morrissey, Simon Munzert, Kris A Murray, Tara Neville, Maria Nilsson, Nick Obradovich, Maquins Odhiambo Sewe,
Tadj Oreszczyn, Matthias Otto, Fereidoon Owfi, Olivia Pearman, David Pencheon, Mahnaz Rabbaniha, Elizabeth Robinson, Joacim Rocklöv,
Renee N Salas, Jan C Semenza, Jodi Sherman, Liuhua Shi, Marco Springmann, Meisam Tabatabaei, Jonathon Taylor, Joaquin Trinanes,
Joy Shumake-Guillemot, Bryan Vu, Fabian Wagner, Paul Wilkinson, Matthew Winning, Marisol Yglesias, Shihui Zhang, Peng Gong,
Hugh Montgomery, Anthony Costello, e Ian Hamilton

image_pdfimage_print

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi