ELEZIONI, CATANIA: IN UE E’ STATO FATTO POCO

catania ueDobbiamo dare risposte alle nostre imprese, dobbiamo avere una politica nazionale per il settore agricolo e per l’industria alimentare! Non basta difendere le nostre posizioni a Bruxelles (anche se qualcuno in passato non ha fatto nemmeno questo)”. È quanto scrive il ministro delle Politiche agricole Mario Catania nel blog aperto per entrare nel vivo della campagna elettorale. Nella biografia pubblicata nel blog si legge: “il desiderio di ampliare i miei orizzonti culturali e di mettermi alla prova professionalmente in un contesto internazionale mi ha portato a prestare servizio a Bruxelles nella Rappresentanza Permanente d’Italia presso l'Unione Europea dove sono rimasto dal 1997 al 2005. Rientrato in Italia ho continuato il mio percorso professionale all’interno del ministero culminato il 16 novembre 2011 con la nomina a ministro delle politiche agricole alimentari e forestali del governo Monti”. Manca però il passaggio: l’11 marzo 2008 è stato nominato direttore generale della Direzione generale delle politiche comunitarie e internazionali di mercato, nel quadro della nuova articolazione ministeriale del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, disposta dal D.P.R. 9 gennaio 2008, n.18. Alla predetta Direzione generale fanno capo le competenze concernenti la politica agricola comunitaria e gli accordi internazionali. Come si può leggere nel sito del Governo. http://www.governo.it/Governo/Biografie/ministri/catania_mario.html

Neo

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Reload Image

Enter Captcha Here : *

MORE ARTICLES

ELEZIONI, ECCO CHI SI RIPRESENTA E COSA SUCCEDE. STEFANO VA AL PD, M5S PENSA A GOVERNO CHE PIACCIA AD ORLANDO

ELEZIONI, ECCO CHI SI RIPRESENTA E COSA SUCCEDE. STEFANO VA AL PD, M5S PENSA A GOVERNO CHE PIACCIA AD ORLANDOTRA LE INDISCREZIONI L'USCITA DELLA BOLDRINI DA LIBERI E UGUALI. LA VENITTELLI GUARDA ALLA REGIONE MOLISE

Fermento tra i partiti politici per spartirsi le poltrone della prossima legislatura. Ma non tutti sono pronti ai blocchi di partenza. Tra le spese per la campagna elettorale nei comitati e nei collegi e le spese di partito per poter correre capolista (per il Partito Democratico si parla di circa […]