ESONDAZIONE RENO, CONFAGRICOLTURA BOLOGNA: DANNI PER MILIONI DI EURO

La conta dei danni è partita. Quella reale si intende, fatta di sopralluoghi e indagini nei campi flagellati dall’esondazione del Reno, all’interno di capannoni ed edifici investiti dall’onda funesta, e non quella diramata nelle ore del disastro magari guardando l’acqua che pian piano saliva.

Stamattina i vertici di Confagricoltura Bologna hanno scandagliato il territorio circoscritto tra i comuni di Castel Maggiore e Argelato.

Sono circa 500 gli ettari - in località Boschetto dove si è rotto l’argine -, che hanno subito i danni maggiori in termini di ripristino della rete viaria e di scolo. Il tutto quantificabile in 2.000 euro a ettaro, ai quali bisogna aggiungere complessivamente un milione di euro per la mancata produzione 2019. Su altri 2.000 ettari circa, nell’area circostante, si può stimare una perdita di PLV fino a 4 milioni di euro. Inoltre, sono stati sommersi dall’acqua capannoni, fabbricati e case, incluse scorte e macchinari, ma il danno seppur ingente non è ancora quantificabile.

Il monito del presidente di Confagricoltura Bologna, Guglielmo Garagnani, suona perentorio: «Fare in fretta ad accertare le responsabilità e risarcire il danno alle imprese». Non solo. «Chiediamo anche – spiega nel dettaglio - misure specifiche per le aziende danneggiate ossia l’esonero fiscale e l’azzeramento dei contributi previdenziali e consortili. Significa: estendere l’esonero IMU, ora previsto solo per CD (coltivatori diretti) e IAP (imprenditore agricolo professionale), a tutti i proprietari di terreno e ai fabbricati; azzeramento contributi previdenziali dei lavoratori autonomi e datori di lavoro e dei contributi consortili dovuti per lo scolo e per il beneficio di disponibilità irrigua».

Infine, un plauso va certamente al Prefetto Patrizia Impresa per aver attivato subito le azioni anti-sciacallaggio e alla Protezione civile dell’Emilia-Romagna che è intervenuta con tempestività; ai tecnici del Consorzio della Bonifica Renana e del Canale emiliano romagnolo. «Bisogna sottolineare, infatti, che grazie al Cer si è reso possibile il deflusso delle acque», conclude il presidente di Confagricoltura Bologna.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

LATTE, ECCO L’ACCORDO: CUN, TAVOLO DI FILIERA, REGISTRO TELEMATICO, ICE, MORATORIA MUTUI, NOMINA PREFETTO E MOLTO ALTRO. PREZZO A 0,72, MA E’ SOLO ALL’INIZIO

LATTE, ECCO L’ACCORDO: CUN, TAVOLO DI FILIERA, REGISTRO TELEMATICO, ICE, MORATORIA MUTUI, NOMINA PREFETTO E MOLTO ALTRO. PREZZO A 0,72, MA E’ SOLO ALL’INIZIOTRASFORMATORI SI IMPEGNANO A NON VENDERE SOTTO I SEI EURO. VALORE MEDIO SOGGETTO A VERIFICHE SULLA BASE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

L’accordo c’è, e si comincia subito a lavorare al tavolo di filiera previsto il 21 a Roma al Mipaaft. nel corso del quale potrebbe chiudersi la partita. L’incontro blindato presso la prefettura di Cagliari tra il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio e gli operatori per risolvere la crisi […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi