FESTE, CONFAGRICOLTURA: “TIENE IL MERCATO DEGLI ALBERI DI NATALE”

"Nonostante la crisi, non siamo preoccupati sul fronte delle vendite degli alberi di Natale. Il mercato è relativamente stabile. I prodotti legati alle festività tengono meglio". Lo ha detto Francesco Mati, presidente della Federazione dei florovivaisti di Confagricoltura, che ha aggiunto: ”Quest'anno ci sono tante novità, alcuni vivai noleggiano piante di abeti ornamentali, più eleganti rispetto al classico abete natalizio (abies alba o picea eccelsa) tipo l'abies nordmanniana, l'abies cephalonica, l'abies pinsapo glauca dal fogliame argentato”.
Secondo i dati della Forestale, gli abeti entreranno in sei milioni di case, ma bisogna fare attenzione allo smaltimento. E la concorrenza con gli alberi sintetici, anche di quelli colorati, non spaventa i produttori. Il mercato degli alberi di Natale, ricorda Confagricoltura, è grande e libero e c'è spazio per tutti. Molti comprano l'abete sintetico perché non vogliono sottrarre piante al territorio, anche se oggi, con i cartellini che ne certificano la provenienza, questo rischio non lo si corre.
“Il piacere di sentire il profumo di resina degli abeti – continua Mati – fa tanto natale e continua ad attrarre i consumatori. Va comunque messo in evidenza che gli alberi di Natale provengono da coltivazioni specifiche, monitorate dal Corpo forestale dello Stato e dotate di un apposito cartellino che ne garantisce la provenienza. Gli abeti ornamentali provengono, invece, da vivai di coltivazione classici e il loro costo è superiore perché si tratta di specie a crescita più lenta rispetto all'abete classico”.
Gli abeti di origine italiana provengono per circa il 90% da coltivazioni specializzate, cioè da piantagioni di alberi create per questo scopo, che occupano stagionalmente oltre mille aziende agricole in Italia.
Confagricoltura ricorda che l'abete di Natale classico è una pianta estremamente rustica e pioniera, in grado cioè di vivere in condizioni estreme. Basta pensare alle montagne su cui cresce: roccia, poca terra, gelo e neve. Finite le feste, si può piantare l’albero in giardino o portarlo ai centri di raccolta che provvederanno ad utilizzare questi esemplari per i rimboschimenti in montagna”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi