FIERACAVALLI, LE INIZIATIVE LEGATE AL TERRITORIO

Sfilata “Verona in carrozza”

Domenica 28 ottobre, il Gruppo italiano attacchi organizza la tradizionale sfilata delle carrozze del 1800 nel centro storico di Verona. Il corteo parte da Veronafiere alle 10 e arriva in piazza Bra, alle 11.30. Qui si tiene la premiazione del 9° Concorso “Verona in carrozza”, con il patrocinio del Comune di Verona e Banca Popolare di Verona-Banco BPM.

Un cavallo per amico

Per avvicinare i più piccoli al mondo equestre, il programma “Un cavallo per amico”, dà la possibilità ai bambini delle scuole elementari del Comune e della Provincia di Verona di visitare la manifestazione. L’iniziativa è organizzata da Veronafiere in collaborazione con l’assessorato all’Istruzione del Comune di Verona, l’Ufficio scolastico, con il sostegno di Banca Popolare di Verona-Banco BPM e Cattolica Assicurazioni

Seconda edizione del Master Executive di “Turismo Equestre”

Torna nel padiglione 1 di Fieracavalli il Master Executive sul Turismo Equestre: due-giorni di aggiornamento dedicati alle vacanze e ai viaggi in sella. Il corso, organizzato da Earth Academy, Ciset (Centro internazionale di studi sull'economia del turismo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e della Regione Veneto) e Fieracavalli, approfondisce le potenzialità dell’equiturismo. Tre le lezioni in programma: due venerdì 26 ottobre (ore 11-13 e 15-17) e una sabato 27 ottobre (11-13).

Progetto Riding in the Blue

Il progetto, curato dall’associazione Ants Onlus per l’autismo, prevede un’area interattiva con i cavalli e dedicata ai bambini, all’interno del padiglione 1. Sono coinvolte 9 classi della scuola primaria di Verona nelle quali sono presenti alunni con disturbi dello spettro autistico.  Riding in the blue fa parte del nuovo protocollo sull’ippoterapia d’intesa firmato quest’anno da Veronafiere e Azienda Aulss 9 Scaligera.

Premio “Carla Guglielmi” di Fondazione Fevoss

La Fondazione Fevoss Santa Toscana di Verona, presente per la prima volta a Fieracavalli, consegna un premio alla miglior tesi di laurea sull’ippoterapia. Il premio, dedicato a Carla Guglielmi, educatrice ed appassionata della natura e dei cavalli, viene consegnato venerdì 26 ottobre, alle 11.30, nello stand G2 del padiglione 4. L’iniziativa coinvolge università da tutta Italia.

Progetto Radici e Ali

L’associazione Colle per la famiglia dell’Opera Don Calabria e l’Oasi di San Giacomo hanno ideato il progetto “Radici e Ali” per avvicinare i figli di genitori separati ai nonni o al genitore che vedono meno. L’iniziativa che ha tra gli sponsor Fieracavalli e Cattolica Assicurazioni coinvolge coppie di adulti e bambini in un percorso di incontri teorici e pratici sul cavallo, che culminano con il battesimo della sella.

Una scuderia tra le mura del carcere

Continua il progetto per il reinserimento lavorativo delle persone detenute, avviato nel 2015 tra la casa circondariale di Montorio e Fieracavalli.  Nella scuderia costruita all’interno del carcere di Verona, i detenuti si prendono cura dei cavalli sequestrati dalla Guardia di finanza nel corso di operazioni contro il traffico illecito di animali. L’Associazione Horse Valley di Corte Molon si occupa della formazione, organizzando corsi di 7 mesi per il conseguimento della qualifica di “tecnici di scuderia”.

Creiamo Caitpr

“Creiamo Caitpr” è il laboratorio nel padiglione 1 che permette ai più piccoli di esprimere con carta e colori le emozioni della propria visita in fiera, parte del progetto didattico “La mia aula grande come il mondo del Caitpr”. Un’iniziativa dell’istituto comprensivo Don Bosco di Padova, Fise Veneto, Università di Padova e Associazione nazionale cavallo agricolo italiano da tiro pesante rapido (Caitpr), che ha sede proprio a Verona.

Il volteggio di Anna Cavallaro

L’amazzone veronese Anna Cavallaro, reduce dai World Equestrian Games appena tenutisi a Tryon, negli Statui Uniti, si esibisce in spettacoli di volteggio all’interno del padiglione 1. Per la 120ª edizione di Fieracavalli, è prevista la partecipazione eccezionale dell’intera squadra “Fenice”, di cui Anna Cavallaro fa parte.

C’era una volta il cavallo a dondolo

Al padiglione 1 è possibile fare un viaggio nel tempo con una mostra di cavalli-giocattolo che racconta un’infanzia d’altri tempi con rari esemplari costruiti in Italia ed Europa a cavallo tra Ottocento e Novecento. La raccolta appartiene ad una coppia di collezionisti veronesi che hanno recentemente rilevato il Museo del giocattolo, dopo la scomparsa della sua fondatrice, Luciana Gaspari.

Il cavallo diventa opera d’arte

Fieracavalli celebra il mondo dell’arte.  Nel padiglione 8, Federica Crestani, giovane architetto di San Bonifacio (Verona) e co-fondatrice di Arar Atelier, presenta una collezione di quadri dove la pittura ad olio e la tecnica del wireframe (filo di ferro) si uniscono per dare vita ad una profonda allegoria equestre.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi