FILIERA CORTA, GADDA, PD: M5S E LEGA SCOLLEGATI DALLA REALTÀ

“Incurante delle osservazioni arrivate da tutti i principali attori della filiera, governo giallo-verde sta andando avanti con una legge che sortirà due unici effetti su comparto agroalimentare e sui consumatori: più confusione e più burocrazia”. Lo dichiara Maria Chiara Gadda, capogruppo Pd in Commissione Agricoltura alla Camera, a proposito della proposta di legge Gallinella valorizzazione dei prodotti agroalimentari della filiera a chilometro zero.

“Le indicazioni – spiega – dei vari operatori dell’intera filiera agroalimentare raccolte durante la audizioni sono state chiarissime. Il giudizio espresso sulla proposta 5 Stelle dal comparto agricolo, dalle imprese della ristorazione, del commercio al dettaglio così come della Gdo, è stato unanime. Il testo di Gallinella denuncia gravi limiti tecnici: contiene definizioni confuse, indica soluzioni già obsolete. Soprattutto, non è coordinato con il quadro legislativo italiano ed europeo e ancora peggio, trascura le reali esigenze di chi produce, e crea ricchezza ed occupazione nel nostro Paese. Il risultato, in caso di approvazione, sarebbe quello di creare nuovi oneri per gli operatori e confusione tra i consumatori. Il tutto in barba agli slogan grillini della trasparenza e della lotta alla burocrazia”.

“Proprio perché condividiamo l’importanza data al tema della valorizzazione dei prodotti italiani e del sostegno agli anelli più fragili della filiera, abbiamo chiesto più volte a 5 Stelle e Lega di fermarsi e concedere più tempo per gli adeguati approfondimenti. Ma ogni sollecitazione in questo senso è stata inutile. Chi si auto-attribuisce il ruolo di rappresentanza esclusiva del popolo, non è detto che abbia per forza ragione. In questo caso, ha dimostrato solo arroganza e leggerezza”, conclude.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Tags: × × × ×

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

DL SEMPLIFICAZIONE, EMENDAMENTO AL SENATO AZZERA BANDO DI GARA VINTO DA LEONARDO ALLA META DEL PREZZO. CON UN COSTO DI 40 MLN DI EURO L’ANNO

DL SEMPLIFICAZIONE, EMENDAMENTO AL SENATO AZZERA BANDO DI GARA VINTO DA LEONARDO ALLA META DEL PREZZO. CON UN COSTO DI 40 MLN DI EURO L’ANNOTUTTO NASCE DA UNA LETTERA DELL'ANAC IN CUI VENGONO SOLLEVATE PERPLESSITA SULLA PRESENZA DI ALCUNE IMPRESE CONCORRENTI GIA PRESENTI NELLA COMPAGINE PRIVATA SIN

Non finisce mai la storia Sian. E, a bando fatto, vinto e ‘comprovato’ dalla stessa Consip, tutto viene rimesso in discussione. Con una perdita di denaro di circa 40 milioni di euro l’anno. Con un emendamento presentato al Ddl Semplificazione in discussione al Senato che azzera tutto. Questo nonostante il […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi