FRUTTA: CIA, PREZZI IRRISORI NEI CAMPI OFFERTI AI PRODUTTORI. C’E’ CHI SPECULA

“Nonostante le ottime condizioni per la commercializzazione i prezzi della frutta estiva si mantengono irrisori: manovre irregolari che spingono al ribasso le quotazioni”. Questa la denuncia del presidente della Cia – Agricoltori Italiani, Dino Scanavino
 “Il caldo ha sostenuto i consumi, i raccolti sono in calo in Europa mentre noi assicuriamo ancora produzioni di qualità, eppure la frutta estiva - pesche e nettarine in primis, ma anche a meloni e cocomeri - non viene pagata adeguatamente, anzi i prezzi sono irrisori e al di sotto dei costi produttivi”.

Lo afferma Dino Scanavino, presidente di Cia – Agricoltori Italiani , che segnala un mercato depresso per le eccellenze produttive ortofrutticole in una annata che presenta tutte le condizioni per remunerare il raccolto.

“Già ad inizio campagna abbiamo assistito ad un crollo dei prezzi di albicocche e pesche, solo in parte spiegabile con una abbondante offerta sui mercati di prodotti esteri e nazionali e a causa del caldo anticipato e prolungato che ha portato la frutta a maturare contemporaneamente in tanti areali produttivi europei. Ora, però -sottolinea Scanavino- abbiamo superato da tempo quella fase, ma siamo al punto di partenza. È chiaro che ci sono manovre speculative che vanno oltre queste considerazioni. Inoltre non si può nemmeno attribuire solo all’embargo russo e a competitori come la Turchia, che produce a costi inferiori dei nostri, un mercato con quotazioni che si avvicinano ai minimi storici”.

Da anni -prosegue Scanavino- la Cia suggerisce l’adozione di strumenti che consentirebbero di evitare o mitigare queste situazioni ricorrenti di crisi. “Innanzitutto serve la programmazione delle produzioni frutticole –continua– oltre alla condivisione della programmazione e delle strategie commerciali, l’attivazione, perlomeno a livello sperimentale, dei fondi mutualistici o delle polizze ricavi.

L’organismo interprofessionale, poi, avrebbe tutte le caratteristiche e le potenzialità per governare le regole produttive, commerciali e di immissione al mercato se solo tutti i soggetti che ne fanno parte vi partecipassero e operassero per gli scopi fondanti, e non per questione di facciata o perché non possono starne fuori. Purtroppo non si è mai trovata comunità d’intenti per motivi comprensibili dal punto di vista degli interessi economici di qualche parte - conclude il presidente della Cia – inconcepibili se si vuol veramente costruire una filiera forte, sicura e di qualità.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES