GIORNATA MONDIALE MAIS, CONFAGRI: “IN ITALIA COMPARTO E’ FRENATO”EMERGENZE ANNUNCIATE E RISPOSTE PARZIALI AI PROBLEMI

mais“Guardiamo con interesse all’intesa tra le regioni Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Piemonte e Friuli per utilizzare la produzione di mais non commercializzabile per usi zootecnici e alimentari, perché contaminato dalle aflatossine, al fine di creare biogas. E’ una prima risposta concreta, anche se in ritardo, ad un problema concreto e drammatico per i produttori; c’è però da dire che c’è una perdita di valore che va dagli 8 ai 10 euro al quintale e che realisticamente non risolverà completamente il problema, assorbendo solo il 30% della quantità di mais interessata”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi intervenendo a Cremona al workshop sulla “Giornata mondiale del mais”, occasione importante per fare il punto sulla produzione. “Pure in questo campo riscontriamo che i tempi di reazione delle Istituzioni nazionali e comunitarie ai problemi non sono compatibili con le esigenze del mondo produttivo – ha osservato Guidi -. Il primo allarme aflatossine è stato raccolto ad inizio agosto, riscontrando la presenza estesa di muffe sulle spighe di mais. Ora si conta un milione di tonnellate di mais non utilizzabile a fini alimentari. Non accettiamo che i maiscoltori vengano lasciati da soli ad accollarsi i danni di un’annata che si è aperta in perdita a causa della siccità e che rischia di chiudersi in profondo rosso a causa delle aflatossine”. “Contributi irrisori, risposte parziali, prevenzione inesistente, questa è la situazione – ha poi rilevato il presidente di Confagricoltura -. Ci sono però troppi problemi per questa coltura, con le molteplici limitazioni in essere (dalla direttiva nitrati al divieto dei concianti, al rischio micotossine). E che accadrà domani? Quali risposte ed indicazioni si daranno ai produttori per la prossima campagna?” “A livello mondiale cresce la produzione di mais, con nuovi record produttivi – ha concluso il presidente Guidi -. In Europa ed in Italia andremo in controtendenza; aspettiamoci meno mais e più oleaginose e bietole con tutte le conseguenze del caso”.

com/elf

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi