GOVERNO, CENTINAIO: PRIORITA’ MENO TASSE E BUROCRAZIA PER IMPRESE, POI ANDIAMO A PARLARE IN EUROPA

print

“Il timore maggiore degli imprenditori oggi è senz’altro una tassazione troppo alta. È fondamentale abbassarla. Per non parlare del livello eccessivo di burocrazia. Io continuo a esser dell’idea che la burocrazia in questo paese sia un male da sconfiggere, perché se andiamo avanti così rischiamo che le aziende scappino. E poi tra le priorità ci sono le questioni con l’Europa. In questo momento ci sono diverse problematiche. Dobbiamo andare a far capire che la proposta italiana ha delle solide basi. D’altronde, se si concede alla Francia e ad altri Paesi di fare politiche di debito, perché questo non può valere anche per l’Italia? Dobbiamo far capire all’Europa che il muro contro muro non serve a nessuno, l’abbiamo detto in più di una occasione, siamo disponibili ad andare in Europa anche con i conti  in mano per far capire cosa stiamo facendo e cosa vogliamo fare. È normale che se tutte le volte che l’Italia fa o propone qualcosa, qualcuno è prevenuto perché pensa vogliamo imbrogliare o che vogliamo buttare via i soldi, allora non ci siamo. Mi sorge però spontanea una domanda: perché ai governi precedenti la flessibilità è stata data, per esempio per elargire gli ottanta euro?”. Così il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio, a margine dell’assemblea generale 2019 di Confindustria Pavia.