GRANO DURO, CIA: LUCI E OMBRE SULLE SEMINESTABILE AL SUD, MALE IN CENTRO ITALIA

Grano-Natura-1024x1280Nel 2013 crollano le superfici a grano duro al Centro Italia, mentre si mantengono pressoché stabili nel Mezzogiorno. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, che ha effettuato una prima indagine sull’andamento della nuova campagna di semina. In particolare, al Sud si prevedono invariate le aree coltivate a grano duro rispetto all’annata agraria precedente, rimanendo quindi intorno ai 925 mila ettari -spiega la Cia-. Un dato che si preannuncia positivo non solo dal punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo, grazie alle buone condizioni climatiche durante la fase di semina. Completamente diversa la situazione nelle aree dell’Italia centrale, dove le piogge torrenziali, quando non alluvionali, tra novembre e dicembre hanno di fatto ritardato, se non impedito del tutto, le operazioni di semina -osserva la Cia-. Dalle nostre prime stime, infatti, sembrerebbero non inferiori al 30 per cento i cali di superficie a grano duro nelle aree interne della Toscana, mentre sul litorale tirreno toccherebbero addirittura riduzioni fino al 60 per cento rispetto all’anno scorso. Dati ancora provvisori -puntualizza la Cia- ma che, se confermati, porterebbero a una significativa contrazione delle superfici coltivate a grano duro al Centro Italia rispetto ai 320 mila ettari della scorsa annata. Con effetti disastrosi dal punto di vista economico per le aziende agricole, soprattutto in un momento in cui i prezzi di listino si prevedono remunerativi, anche a seguito della diminuzione della produzione mondiale (35 milioni di tonnellate). Ma il crollo delle superfici coltivate desta preoccupazione anche sotto il profilo paesaggistico e ambientale, considerato che gran parte delle semine delle aree interne del Centro avviene su colline scoscese a forte rischio di abbandono e di dissesto idrogeologico. Il nostro auspicio -conclude la Cia- è che le migliorate condizioni climatiche possano ancora favorire le semine tardive. Nel frattempo è assolutamente vitale accelerare tutte le pratiche di sostegno alle aziende agricole colpite dal maltempo estremo e che hanno visto riconosciuto lo stato di calamità.

com/gan

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi