“GROW!”, AL NORD BUONA DOTAZIONE INFRASTRUTTURE PER AGROALIMENTARE E CRESCENTE DIFFUSIONE RETI DIGITALI, MA PESA DIVARIO CON PAESI UE

image_pdfimage_print

La dotazione delle infrastrutture materiali del Nord Italia appare buona rispetto al resto del Paese, pur se caratterizzata da una diversa intensità a livello territoriale: prendendo in considerazione, infatti, la presenza di reti infrastrutturali rispetto al numero di imprese agroalimentari operanti nel territorio, emerge come il Nord-Ovest possa contare su una media di 41 km di reti viarie per impresa, con la Liguria a fare la parte del leone con circa 60 km/impresa, a fronte dei 26 km/impresa del Nord-Est, numeri nettamente superiori a quelli del Sud. Anche a livello di infrastrutture immateriali, le regioni del Nord presentano un’alta e crescente diffusione di reti digitali, con l’Emilia-Romagna sul podio con circa il 90% delle famiglie che accedono a internet, a fronte di una media nazionale dell’84%, che al Sud scende al 78%; quanto all’utilizzo di internet da parte delle imprese il quadro appare meno netto: nel Nord-Ovest circa il 50% delle imprese usa attivamente internet nelle attività operative e commerciali, mentre nel Nord-Est l’incidenza scende al 46%, a fronte di una media nazionale del 48%.

È quanto emerge dalla quarta edizione di “Grow!”, l’Action Tank del coordinamento di Agrinsieme che riunisce Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari. “Il ruolo delle infrastrutture per l’agricoltura del Nord” è stato il tema sul quale si sono confrontati oggi a Bologna il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova, i presidenti delle commissioni agricoltura del Senato Gianpaolo Vallardi e della Camera dei deputati Filippo Gallinella, gli assessori all’agricoltura dell’Emilia-Romagna Simona Caselli e del Piemonte Marco Protopapa e Carlo Sabetta di Assotelecomunicazioni-ASSTEL. All’iniziativa sono inoltre intervenuti il coordinatore nazionale di Agrinsieme Franco Verrascina e i copresidenti del Coordinamento Dino Scanavino, Massimiliano Giansanti e Giorgio Mercuri.

Le note dolenti, come emerge da uno studio elaborato ad hoc da Nomisma per Agrinsieme e illustrato dal responsabile dell’Area Agricoltura e Industria Alimentare della società di ricerca Denis Pantini, arrivano confrontando i numeri del Nord Italia con quelli dei nostri principali competitor europei, verso i quali pesa un divario a sfavore del nostro Paese. La dotazione media di infrastrutture materiali, infatti, pari a 797km ogni 1000km2 nel Nord-Ovest e a 774km ogni 1000km2 nel Nord-Est, risulta nel complesso inferiore alle aree del Regno Unito (2.483km/1000km2), della Francia (2.266 km/1000 km2) e della Germania (1.028km/1000km2); anche in riferimento alle infrastrutture immateriali emerge un distacco rispetto ai competitor UE: nelle regioni del Nord Italia la digitalizzazione delle famiglie è pari all’87% nel Nord-Ovest e all’88% nel Nord-Est, percentuali superiori alla media italiana dell’84%, ma inferiori a quelle di Germania e Regno Unito.

“Tali ritardi infrastrutturali con i paesi UE - commenta Agrinsieme - continuano a pesare in maniera significativa sulla competitività del Paese e del nostro agroalimentare; il sistema infrastrutturale, infatti, è indispensabile per una maggiore efficienza della movimentazione delle merci, ma anche e soprattutto per il raggiungimento di mercati più lontani e promettenti. In questo contesto il Nord Italia, nonostante presenti un quadro grossomodo positivo rispetto al resto del Paese, ha performance inferiori a quelle dei nostri principali competitor comunitari. Ed è proprio l’agroalimentare a risentire più di altri settori di un simile gap di reti fisiche e digitali, che si traduce in mercati domestici inefficienti, con una minima integrazione spaziale e temporale, in una bassa trasmissione del prezzo e, infine, in una limitata competitività sui mercati internazionali, tutti fattori che alla lunga vanno a impattare sui redditi degli agricoltori e sulle opportunità di investimento privato”.

“Basti pensare che mentre nel 2008 il differenziale nel solo export agricolo tra l’Italia e la Spagna era pari al 92%, dieci anni dopo la forbice si è allargata fino al 168%, con l’export degli spagnoli a superare i 20 miliardi di euro contro i nostri 7 miliardi. E rispetto al top exporter europeo, i Paesi Bassi con oltre 30 miliardi di esportazioni agricole, il differenziale che scontiamo è passato dal 200% nel 2008 al 302% nel 2018. Vale la pena di ricordare, infine, che nel Settentrione si concentra circa il 60-70% dell’export agricolo e alimentare nazionale, per un valore complessivo che nel 2018 è stato di circa 30 miliardi di euro”, conclude Agrinsieme.

GROW, GIANSANTI: VARARE GRANDE PIANO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELL’AGRICOLTURA ITALIANA PER SEMPLIFICARE E ACCEDERE AI MERCATI. VIDEOINTERVISTA

“In un mondo che cambia e in un mercato globale gli imprenditori agricoli italiani vogliono dire la loro. Abbiamo bisogno di infrastrutture, non bastano porti, aeroporti e strade ma serve anche la rete. Oggi nel mondo si viaggia in 5G mentre in molte parti del nostro paese gli agricoltori non hanno nemmeno la connessione. Credo allora che debba essere varato nel minor tempo possibile un grande piano per la digitalizzazione dell’agricoltura italiana, un piano che porterà da un lato semplificazione e meno burocrazia, e dall’altro lato un maggior accesso al mercato. Tutto ciò ovviamente serve per rilanciare un forte Made in Italy agroalimentare.Anche quest’anno i dati dell’export vanno bene ma la guerra dei dazi in corso ci mette in difficoltà” conclude Giansanti.

“Il tema delle infrastrutture è un tema strategico soprattutto per le agricolture che hanno volumi produttivi di elevata quantità e qualità, e che dialogano coi mercati di tutto il mondo, perché le eccellenze di questa area d’Italia sono il fiore all’occhiello dell’export agroalimentare. Dunque le ferrovie, i porti, le infrastrutture aviarie e quelle telematiche diventano l’elemento che sostanzia il business, perché senza infrastrutture non si possono fare commerci di questi livello” dichiara Dino Scanavino.

“Dallo studio di Nomisma si evince il gap che c’è tra il nostro paese e gli altri paesi europei, come la Francia, la Germania, la Spagna e la stessa Inghilterra. Un gap che c’è anche tra regioni del nord e quelle del sud, e perfino tra le stesse aree geografiche” dichiara il coordinatore nazionale di Agrinsieme Franco Verrascina.“Stiamo quindi cercando di mettere a confronto le imprese che guardano al mercato globale con le istituzioni, per far capire che le infrastrutture sono di fondamentale importanza per il settore. E su questo bisogna lavorare e investire per recuperare quel gap che esiste” prosegue.

“Bisogna trovare le risorse per investire sulle infrastrutture a livello materiale, vedasi allora strade, ferrovie con l’alta velocità, porti, aeroporti, ma anche sulle infrastrutture immateriali come blockchain ed e-commerce. Se non abbiamo delle reti informatiche per aggredire il mercato allora siamo destinati a perdere” sottolinea Verrascina.“Abbiamo oggi 7.000 aziende nel pubblico, di cui 1.700 senza dipendenti ma con solo consigli di amministrazione, procurando un deficit di 104 miliardi ed è proprio qui allora che dobbiamo andare a prendere le risorse per destinarle a questo settore. Altrimenti sarà difficile assicurare futuro alle aziende e ai nostri giovani” conclude Verrascina.

GROW, MERCURI: METTERE IN CAMPO PROGETTI PER INFRASTRUTTURE FISICHE E DIGITALI E AUMENTARE COMPETITIVITÀ IMPRESE

“Oggi parliamo di infrastrutture in un momento dove il nostro agroalimentare continua a crescere e c’è tanta attenzione su nuovi accordi di libero scambio da parte dell’Europa. L’Italia si vuole inserire in queste opportunità della commercializzazione a livello internazionale, naturalmente dobbiamo anche valutare quali sono le difficoltà del nostro paese nell’ambito del settore agricolo e agroalimentare” dichiara Giorgio Mercuri.

“Quando si parla di crescita parliamo di una crescita complessiva, ma il sistema infrastrutturale italiano lascia qualche perplessità rispetto gli altri paesi. È un sistema che ci deve mettere anche nelle condizioni di essere competitivi nella gestione delle nostre stesse imprese ed è chiaro che serve un impegno nel progettare le infrastrutture. C’è dunque la necessità di mettere in campo progetti importanti infrastrutturali sia per strutture reali che per quella che oggi chiamiamo agricoltura 4.0 e di cui abbiamo fortemente bisogno” conclude Mercuri.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi