GROW, SCANAVINO: TEMA INFRASTRUTTURE TROVI SPAZIO. DA QUESTO DIPENDE SVILUPPO MADE IN ITALY. LA VIDEO INTERVISTA

bilanio 2017"L'iniziativa di Agrisneime, Grow, vuole accendere i riflettori su un tema strategico, quello delle infrastruure di aree e telematiche che devono trovare un maggiore spazio nel nostro paese e senza le quali è difficile far crescere il made in Italy agroalimentare e manifatturiero dentro e fuori al nostro paese".

Così il presidente della Cia Dino Scanavino ad AGRICOLAE nel corso di GROW, l'action tank di Agrinsieme dedicato quest'anno al tema delle infrastrutture materiali e immateriali.

GROW, SCANAVINO: SVILUPPARE RETROPORTI PER AUMENTARE COMPETITIVITÀ E GUARDARE ALL’AFRICA.

Posted by Redazione × Pubblicato il 10/01/2019 at 12:19

“Il tema delle infrastrutture è un tema che viene quotidianamente sottovalutato mentre invece è di centrale importanza per lo sviluppo del paese. Dovremmo collegate in un solo progetto tante infrastrutture, credo infatti nel concetto di multimodalità, ovvero più mezzi di trasporto legati in un solo progetto.” Così il presidente della CIA Dino Scanavino nel corso di “Grow, l’action tanò di Agrinsieme”.

“Dobbiamo ripensare al tema infrastrutture, sia viarie e ferroviarie che portuali, specialmente quest’ultime devono riunire le merci e lavorarle per inviarle poi nei mercati mondiali, con attenzione al mondo che cambia. Si tratta, ha proseguito Scanavino, di un progetto di sistema, occorre lavorare le merci nel retroporto e non solo stoccarle. Si moltiplicherebbero così gli utili e anche il lavoro, infatti i retroporti rappresentano un importante elemento di sviluppo per l’economia nazionale.

Per quanto riguarda le ferrovie, l’efficienza viene meno se non si è collegati e se le merci non arrivano in tempo. I treni merci non viaggiano a velocità superiori ai 120 km, non è alta velocità e ciò è invalidante per la mostra competitività.

Soffriamo inoltre di strabismo, ha dichiarato Scanavino, per cui che riguarda sviluppo e commercializzazione merci. Pensiamo sempre agli USA, al nord Europa, alla Cina ma non pensiamo mai all’Africa. È invece fondamentale diventare un hub per l’Africa, che è il continente che poi si sviluppa. Dobbiamo perciò orientarci verso il sud, aprire strade verso quel mercato che ci viene incontro. Torniamo così al tema delle infrastrutture portuali, ha concluso Scanavino, che devono avere in se, al loro interno la capacità di lavorazione merci.”

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Tags: × × ×

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi