IL SOLE PUO’ RIDURRE IL RISCHIO DI ARTRITESTUDIO USA SU 200MILA DONNE

soleVivere in un clima più soleggiato può ridurre il rischio di sviluppare l'artrite reumatoide. A dirlo sono i ricercatori americani al termine di uno studio che ha coinvolto oltre 200.000 donne e che e’ stato pubblicato sulla rivista “Annals of Rheumatic Diseases”. La ricerca suggerisce un legame tra la luce solare e il rischio di sviluppare la malattia, dal momento che la vitamina D prodotta dal sole può proteggere il corpo. L'artrite reumatoide, che colpisce in particolare le donne, attacca le articolazioni e può essere molto dolorosa. I ricercatori della Harvard Medical School hanno seguito due gruppi di più di 100.000 donne (106.368 e 115. 561). Il primo (di eta' compresa fra i 30 e i 55 anni) e’ stato monitorato dal 1976 in poi, il secondo (eta' fra i 15 e i 42 anni) dal 1989. Il loro stato di salute è stato poi confrontato con le stime dei livelli di raggi UV-B a cui erano state esposte, in base a dove vivevano. Nel primo gruppo, che viveva in zone più soleggiate degli Stati Uniti, si e’ riscontrato il 21% in meno di probabilità di sviluppare l'artrite reumatoide rispetto agli altri. Gli autori dello studio hanno sottolineato come questo dato possa rafforzare l’ipotesi che l’esposizione ai raggi UV-B sia associata al minor rischio di artrite. Resta tuttavia sconsigliata una prolungata esposizione al sole che aumenta il pericolo di melanoma e si raccomanda sempre l'utilizzo abbondante di protettori solari.

red/elf

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi