INEA, LA NUOVA PROGRAMMAZIONE A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA

GRANO RUSSIALa bioeconomia nella nuova programmazione dello sviluppo rurale è stata al centro del seminario di oggi La nuova programmazione a supporto della bioeconomia, organizzato dall’INEA nell’ambito della Rete Rurale, insieme all’Associazione Chimica Verde Bionet.

Il seminario è stato un momento di approfondimento, rivolto in primo luogo alle Regioni, sulle opportunità offerte dalla nuova programmazione a supporto della bioeconomia e della diffusione di tecnologie sostenibili, attraverso la presentazione di processi di innovazione lungo la filiera e buone prassi già adottati.

Opportunità per incrementare l’innovazione e la competitività del sistema produttivo, la bioeconomia fornisce un utile punto di partenza perché comprende la produzione di risorse biologiche rinnovabili e la trasformazione di tali risorse e dei flussi di residui e sottoprodotti in prodotti a valore aggiunto quali alimenti, mangimi, bioprodotti e bioenergie.

La bioeconomia può essere supportata grazie a specifici interventi quali misure di consulenza aziendale e di formazione, misure agro ambientali, misure di investimento aziendale e integrazione con altri strumenti di intervento (politica di coesione con il rafforzamento delle filiere produttive dedicate alla green economy e finanziamento di interventi non ammissibili in ambito FEASR)

«L’incontro di oggi – ha dichiarato Giovanni Cannata, Commissario Straordinario dell’INEA – vuole essere un laboratorio propedeutico ad altre iniziative, che sottolineano i diversi risvolti contenuti nelle politiche agricole 2014 -2020 e la pluralità di strumenti e finanziamenti disponibili. In particolare le opportunità offerte dalla bioeconomia, dalla produzione sostenibile di risorse rinnovabili e dalla loro conversione in cibo, biocarburante e bionenergia. Opportunità che possono essere declinate a vari livelli, compresi quelli delle regioni e delle imprese. Bisogna sempre tenere a mente che lo scenario in cui ci muoviamo è HORIZON 2020, un contesto cioè in cui i mercati internazionali incoraggiano la competitività, favorendo la creazione di occupazione, crescita e sviluppo del territorio».

 

Al Seminario hanno partecipato Antonio Di Giulio della Commissione Europea e Giuseppe Cacopardi, Direttore generale dello Sviluppo rurale – Mipaaf.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi