INTERROGAZIONE, CIABURRO FDI CAMERA, SU RITARDI EROGAZIONE LIQUIDITÀ CAUSA MANCATA INTESA BANCHE-ISMEA

Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-04207

presentato da

CIABURRO Monica

testo di

Martedì 23 giugno 2020, seduta n. 360

CIABURRO, GALANTINO, LUCA DE CARLO e RUFFINO. — Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

con il decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, cosiddetto «decreto liquidità», convertito dalla legge 5 giugno 2020, n. 40, il Governo ha normato la disciplina straordinaria relativa a prestiti verso privati coperti da garanzia di Stato;

tali garanzie sono state garantite mediante l'avvalimento di Sace spa, del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese e di Ismea per quanto riguarda il comparto agricolo;

in tal senso la Banca Popolare di Novara non risulta aver siglato alcuna intesa con Ismea per l'erogazione del prestito coperto da garanzia statale;

come conseguenza della mancata intesa con Ismea, i correntisti della predetta Banca Popolare di Novara, con particolare riferimento agli imprenditori agricoli, si trovano nella condizione di non poter usufruire dei prestiti con garanzia statale, rendendo impossibile disporre della liquidità monetaria necessaria per far fronte alle sopravvenute spese ordinarie, quali spese aziendali e stipendi, e straordinarie, relative a questi ultimi mesi di contenimento straordinario –:

se i Ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti di cui in premessa e, se del caso, quali iniziative di competenza, anche di carattere normativo, abbiano intenzione di intraprendere per:

a) garantire una tempestiva erogazione di liquidità mediante prestiti coperti da garanzia statale, così come disciplinati dal «decreto liquidità», a tutti i soggetti economici aventi diritto i quali si trovino esclusi dallo strumento a seguito della mancata intesa tra il proprio istituto di credito e Ismea, come nel caso di cui in premessa;

b) prevedere forme di indennizzo nei confronti di tutti i cittadini, imprese, e affini i quali abbiano subito ulteriori danni economici derivanti dalla crisi epidemiologica da COVID-19 in seguito alla mancata erogazione di prestiti con garanzia statale da parte dei propri istituti di credito.

(5-04207)

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi