INTERROGAZIONE, DE BONIS MISTO SENATO, SU VERIFICA INVESTIMENTO ENPAIA DI 15 MILIONI IN BONIFICHE FERRARESI

DE BONIS - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e delle politiche agricole alimentari e forestali. -

Premesso che:

da un articolo di "Agricolae.eu" del 24 dicembre 2018, l'interrogante ha appreso che il presidente di Enpaia, Ente nazionale di previdenza per gli addetti e per gli impiegati in agricoltura, Giorgio Piazza, già presidente di Coldiretti Veneto, aveva deciso di aderire all'aumento di capitale di "Bonifiche Ferraresi" SpA, in scadenza il 27 gennaio 2019, con 10 milioni di euro, firmando una delibera in assenza della proposta del direttore;

allora, a causa dell'inusuale procedura circa le modalità e la tempistica della scelta, la delibera venne sospesa e lo stesso presidente dell'Enpaia affermò: "Questa era un'occasione da cogliere ma manca una parte di istruttoria per cui è impossibile. Non è completa per cui la cosa si ferma nonostante la bontà dell'investimento sull'economia reale che riprenderemo in mano nei prossimi consigli" e per quanto riguarda le disposizioni date alle banche "Abbiamo già dato mandato di bloccare tutto";

considerato che:

a distanza di un anno, la questione si ripropone. Si parla tanto della previdenza agricola ma poi l'ente che gestisce il trattamento di fine rapporto dei dipendenti agricoli per restituirlo a tempo debito, così integrando le pensioni, fa investimenti per milioni di euro per aumentare il capitale di Bonifiche ferraresi, che a sua volta acquisisce la tenuta controllata da Federico Vecchioni che è anche l'amministratore delegato della società;

nel 2018 erano 10 milioni di euro, quest'anno Enpaia entra nell'aumento di capitale di Bonifiche ferraresi con 15 milioni di euro. L'investimento rientra in un'operazione di aumento di capitale varata dal consiglio d'amministrazione di Bonifiche ferraresi che prevede da una parte l'integrazione nel perimetro del gruppo Bonifiche ferraresi delle attività agricole e agrituristiche della tenuta "Il Cicalino srl", controllata dall'amministratore delegato Federico Vecchioni, e dall'altra un aumento di capitale in denaro di 45 milioni di euro, da eseguire entro il 15 febbraio 2020, finalizzato a trovare le risorse finanziarie necessarie all'implementazione del piano industriale 2018-2020, non completamente reperite con l'aumento di capitale completato per oltre l'80 per cento nel dicembre 2018;

per quanto riguarda l'incorporazione del ramo d'azienda della società agricola "Il Cicalino", attiva nel settore agricolo e agrituristico a Massa Marittima (Grosseto), scrive "Il Sole-24ore", il consiglio d'amministrazione di Bonifiche ferraresi "ritiene che l'acquisizione del ramo d'azienda abbia valenza strategica e industriale nonché potrà generare vantaggi e sinergie a livello sia di contenimento dei costi sia di crescita dei ricavi, promozione del business e valorizzazione dei brand della filiera agro-alimentare del gruppo Bf". In seguito a questa operazione, che vale 10 milioni di euro, la tenuta "Il Cicalino" risulterà proprietaria del 2,5 per cento di Bonifiche;

considerato, inoltre, che:

dopo un anno pare che la stessa proposta, aumentata di 5 milioni di euro, abbia avuto il "via libera" che il presidente Piazza un anno fa non ebbe dal suo direttore, Roberto Diacetti, e, nel pomeriggio del 9 dicembre 2019, pare che debba essere esaminata dagli organi dell'ente Enpaia;

la finalità del fondo Enpaia è principalmente quella di mettere a disposizione dei consorzi di bonifica le somme loro occorrenti per l'erogazione del trattamento di fine rapporto, l'anticipazione dello stesso (come prevista e disciplinata dai contratti collettivi nazionali), la pensione consortile (alternativa al TFR nei casi previsti dai contratti collettivi nazionali), l'indennità sostitutiva del preavviso (in caso di decesso dell'iscritto) e la specifica integrazione (in caso di morte del dipendente prima del compimento del decimo anno di servizio), e poi per eventuali investimenti,

si chiede di sapere se i Ministri in indirizzo, al fine di tutelare i preminenti diritti previdenziali dei dipendenti agricoli, non ritengano di dover effettuare delle verifiche sull'investimento stabilire se esso sia utile a garantire i rendimenti ai contribuenti oppure se si tratti di una mera operazione che reca vantaggio al contraente, cioè l'amministratore della tenuta "Il Cicalino".

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi